Policlinico impossibile

Sono fermi da marzo 2009 i lavori per la costruzione del nuovo Policlinico della Sun a Caserta.

Un edificio che valorizza la Campania e il Sud Italia? Un nuovo Policlinico d’avanguardia a Caserta? Si, ma se si riuscirà a completarlo!
Siamo di fronte all’ennesimo lavoro fermo e incompleto della nostra penisola e il magnifico Rettore della Seconda Università di Napoli Francesco Rossi lancia un appello accorato per dimostrare le buone intenzioni del caso.
La storia inizia nel lontano 2004 con consegna dei lavori all’ATI Immobilgi Federici Stirling S.p.A., che secondo il contratto avrebbe dovuto terminare l’opera entro il 2009. Lo scorso 31 marzo la Sun ha dovuto chiudere il contratto con l’ATI per mancato adempimento dell’opera. Si procede così con la seconda in graduatoria nella gara d’appalto: la Pizzarotti di Parma. Nuova odissea! La Pizzarotti propone condizioni contrattuali non conformi alla normativa vigente. Oggi, febbraio 2010 dopo sei anni la Sun attende ancora qualcuno che completi l’opera. Attendono entro i primi giorni di marzo una nuova impresa, sperando sia quella buona!
“Voglio sottolineare che quanto costruito fino ad oggi ha ottenuto il parere positivo della Commissione di Collaudo. Si tratta dunque di trovare, alle condizioni previste dall’attuale normativa di settore, la ditta che vorrà completare questa opera di grande valore per l’intero Sud Italia” ha dichiarato Rossi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricordando Onna

Next Article

Nani fra Medioevo e Rinascimento

Related Posts
Leggi di più

Green pass, Corte Costituzionale boccia il conflitto di attribuzione sollevato da 27mila docenti e studenti

Un avvocato e docente universitario genovese - in proprio e in qualità di rappresentante di 27.252 docenti, studenti e membri del personale scolastico e universitario - aveva sollevato il conflitto sull'omesso esame di una petizione in cui si chiedeva di non convertire in legge il decreto-legge che ha introdotto l’obbligo di green pass nelle scuole e nelle Università. La Corte: "I firmatari di una petizione non sono titolari di funzioni costituzionali"