Studio Bocconi: più ridi più lavori

Nuova poetica dell’umorismo declinata nell’ambiente lavorativo. Un recente studio dell’Università Bocconi ha dimostrato “scientificamente” che lo humor è uno dei fattori che maggiormente incide sulla produttività. I ricercatori hanno intervistato 1860 impiegati coordinati dal docente Marco Sampietro; interviste realizzate in aziende di ogni dove del globo: Italia, Francia, Germania, Inghilterra, USA, Russia e Giappone.

A seconda del paese, cambia la tipologia della battuta che suscita ilarità tra i colleghi. Il senso dell’umorismo è profondamente radicato nella realtà nazionale e, a volte, locale di un territorio. Gli italiani si distinguono per le battute a sfondo sessuale, e per l’uso-abuso di parolacce. Ricordiamo che nel 2007, uno studio dellla Norwich University of East Anglia dimostrava come le parolacce in ufficio rendano i dipendenti più produttivi: non solo aiutano a combattere lo stress, ma contribuiscono anche a creare solidarietà tra i colleghi.

Il 99 per cento in Europa e USA apprezzano l’umorismo durante le ore lavorative poiché attenua le tensioni, non ostacola la leadership, facilita l’ambiente professionale e riduce lo stress. Scende al 92% (rimanendo comunque alta,la percentuale) in Giappone dove si vive il lavoro in modo più serioso. I tedeschi per esempio, deridono più se stessi che gli altri e scherzano di più sulle differenze di ruolo lavorativo. Molto diffusa l’autoironia, in Giappone e negli USA. Da notare un particolare: le battute sulle diversità religiose sono rare, tranne che in Italia.

Paese che vai, humor lavorativo che trovi!

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bye bye America, i ricercatori ritornano a casa

Next Article

La Bicocca: eccellenza nella ricerca

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.