Studio Bocconi: più ridi più lavori

Nuova poetica dell’umorismo declinata nell’ambiente lavorativo. Un recente studio dell’Università Bocconi ha dimostrato “scientificamente” che lo humor è uno dei fattori che maggiormente incide sulla produttività. I ricercatori hanno intervistato 1860 impiegati coordinati dal docente Marco Sampietro; interviste realizzate in aziende di ogni dove del globo: Italia, Francia, Germania, Inghilterra, USA, Russia e Giappone.

A seconda del paese, cambia la tipologia della battuta che suscita ilarità tra i colleghi. Il senso dell’umorismo è profondamente radicato nella realtà nazionale e, a volte, locale di un territorio. Gli italiani si distinguono per le battute a sfondo sessuale, e per l’uso-abuso di parolacce. Ricordiamo che nel 2007, uno studio dellla Norwich University of East Anglia dimostrava come le parolacce in ufficio rendano i dipendenti più produttivi: non solo aiutano a combattere lo stress, ma contribuiscono anche a creare solidarietà tra i colleghi.

Il 99 per cento in Europa e USA apprezzano l’umorismo durante le ore lavorative poiché attenua le tensioni, non ostacola la leadership, facilita l’ambiente professionale e riduce lo stress. Scende al 92% (rimanendo comunque alta,la percentuale) in Giappone dove si vive il lavoro in modo più serioso. I tedeschi per esempio, deridono più se stessi che gli altri e scherzano di più sulle differenze di ruolo lavorativo. Molto diffusa l’autoironia, in Giappone e negli USA. Da notare un particolare: le battute sulle diversità religiose sono rare, tranne che in Italia.

Paese che vai, humor lavorativo che trovi!

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bye bye America, i ricercatori ritornano a casa

Next Article

La Bicocca: eccellenza nella ricerca

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.