Più di un milione di studenti non sceglie la religione cattolica a scuola. Licei artistici i più laici

Indagine condotta dall’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar) e #datibenecomune sulla religione cattolica a scuola. Su più di 7 milioni di studenti, il 14,7% ha scelto di non avvalersi dell’insegnamento. Tra le regioni più laiche ci sono Toscana ed Emilia-Romagna. Basilicata e Campania quelle più religiose. E nei licei artistici quasi 1 studente su 3 non segue l’ora di religione.

Sono più di un milione gli studenti italiani che hanno scelto di non avvalersi dell’insegnamento della religione cattolica nelle nostre scuole. A rivelarlo è un’indagine portata avanti dall’Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti (Uaar) e #datibenecomune che sono venuti in possesso dei dati ufficiali a seguito della richiesta di accesso civico presentata al Ministero dell’Istruzione.

Secondo l’indagine sono i licei artistici le scuole “laiche” con una percentuale del 28,44% di studenti che scelgono di non avvalersi dell’insegnamento della religione mentre tra le regioni primeggia la Toscana con il 25,23% di ‘no’. “Tra i tanti dati che il Ministero dell’Istruzione mette a disposizione nel suo Portale unico dei dati della scuola mancano quelli relative all’Irc – ha spiegato Andrea Borruso di #datibenecomune – per cui finora l’unica fonte di informazione in merito a una questione così rilevante che riguarda cosa succede nelle scuole pubbliche italiane era, paradossalmente, la Conferenza episcopale italiana, la quale però snocciola solo delle percentuali per macroaree. L’auspicio è che a seguito di questa iniziativa congiunta i dati vengano pubblicati in formato aperto e interoperabile direttamente dal Ministero”.  

“Il Ministero non ha risposto a tutte le nostre domande – spiega il segretario dell’Uaar, Roberto Grendene – Per esempio non sappiamo il dettaglio delle scelte alternative all’insegnamento della religione cattolica, perché – ci hanno spiegato – è un dato non rilevato. Gli elementi che ci hanno fornito rappresentano però un primo passo importante, che consente di estrarre informazioni inedite e interessanti”.  

In totale, nell’anno scolastico 2020/21, su 7.214.045 studenti frequentanti le scuole statali, 1.014.841 non si sono avvalsi dell’Irc (il 14,07%), con un trend in crescita (erano il 12,90% nel 2018/19 e il 13,53% nel 2019/20). Le tre regioni con il più alto tasso di non avvalentisi sono Toscana (25,23%), Emilia-Romagna (24,84%) e Liguria (24,61%), quelle con i tassi più bassi Molise (3,16%), Campania (2,72%) e Basilicata (2,57%). A livello di provincia, si va da Firenze con il 36,67% a Barletta-Andria-Trani con l’1,56%.

La scelta di non avvalersi dell’Irc cresce con l’età (scuole dell’infanzia 10,59%; scuole primarie 10,20%; scuole secondarie di primo grado 12,73%; scuole superiori 19,76%). Per quanto riguarda le scuole superiori, il tasso è più alto negli istituti tecnici e professionali (22,76% e 23,49%, rispettivamente) che nei licei (16,05%), con l’eccezione dei licei artistici che vantano il record del 28,44%.

LEGGI ANCHE:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Maturità2022: ecco i consigli del Ministero su crediti, colloquio e punteggio finale

Next Article

Bianchi parla delle tracce della maturità: "Le ho viste. Sono tutte bellissime". E apre all'orale senza mascherine: "Deciderà il presidente di commissione"

Related Posts
Leggi di più

Nicolò muore a 17 anni, amici: “Lo portiamo con noi alla maturità”

La proposta degli studenti dell’Ipsia “Lombardi” di Vercelli di sostenere l’esame di maturità per l’amico scomparso in un incidente in moto è stata accolta da preside e insegnanti: alla fine delle interrogazioni, uno di loro tornerà davanti alla commissione per Nico.