Più brave degli uomini a scuola ma penalizzate sui luoghi di lavoro: la quotidiana odissea delle donne

ll Rapporto 2023 sul Profilo dei Diplomati di Almalaurea conferma l’esistenza di un profondo gender gap per le donne che, nonostante voti migliori a scuola e nelle università, vengono penalizzate quando lavorano anche in settori con retribuzioni più alte della media.

Le ragazze sono più brave a scuola dei ragazzi, più pronte ad esperienze all’estero ma poi, nel mondo del lavoro, sono penalizzate, soprattutto se hanno figli, anche se si laureano nelle discipline Stem o seguono percorsi formativi che hanno un maggior riscontro sul mercato del lavoro, come i percorsi dei gruppi Ingegneria industriale, Architettura e ingegneria civile, Medico-sanitario, farmaceutico ed Economico. È quanto emerge da Focus Gender Gap 2023 di Almalaurea dal quale si vede come le differenze tra studenti e studentesse emergono chiare fin dall’approccio allo studio nel corso della scuola media e superiore.

Il Rapporto 2023 sul Profilo dei Diplomati di Almalaurea mostra, infatti, che tra i diplomati del 2022 il 43,9% delle ragazze alla scuola media inferiore ottiene un voto d’esame superiore o uguale a 9 (percentuale pari al 31,5% tra i ragazzi) e quando arrivano sui banchi delle superiori, che siano quelli di un liceo, un istituto tecnico o un professionale, raggiungono ottimi risultati. Il 94% delle studentesse non fa ripetenze (è il 90% per i ragazzi) e conclude la scuola secondaria superiore con un voto medio di diploma pari a 83,2 su cento (è 78,7 per i ragazzi). Il 37,2% delle ragazze dedica allo studio e ai compiti a casa più di 15 ore settimanali rispetto al 17,3% dei ragazzi; inoltre, il 22% delle studentesse compie esperienze internazionali (è il 14,3% dei ragazzi), in particolare organizzate dalla scuola.

D’altronde le ragazze intraprendono in maggior misura percorsi formativi linguistici e per questo conseguono anche un maggior numero di attestati linguistici (41,7% delle studentesse rispetto al 34% degli studenti). Sono inoltre impegnate in attività di carattere sociale: il 14,1% delle ragazze svolge attività di volontariato rispetto al 10% dei ragazzi.

Sono interessate a proseguire gli studi soprattutto all’università: si tratta dell’80,2% delle diplomate rispetto al 64,3% dei diplomati ma una volta laureate le donne, che costituiscono il 59,4% dei laureati, sono penalizzate sul mercato del lavoro, soprattutto se hanno figli. Il divario di genere si attenua ma persiste, sia in termini occupazionali che retributivi, anche tra i laureati delle discipline Stem. A cinque anni dal conseguimento del titolo di laurea, infatti, il tasso di occupazione è pari al 94,1% per gli uomini e del 90,9% per le donne che guadagnano circa 200 euro in meno al mese dei colleghi anche se è un divario minore rispetto a chi si laurea in altre discipline.

LEGGI ANCHE:

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bomba nella miniera di Sos Enattos: intimidazione contro l’Einstein Telescope

Next Article

Europa, autonomia universitaria a rischio? Un report dell'European University Association mette in guardia la politica

Related Posts
Leggi di più

Pisa, manganellate agli studenti alla manifestazione per Gaza

Scontri questa mattina nel centro della città toscana durante il corteo in favore della Palestina. Le forze dell'ordine hanno caricato i ragazzi che cercavano di entrare in piazza dei Cavalieri. "Sconcerto" da parte dell'Università.
Leggi di più

Elezioni Europee, ok al voto per gli studenti fuorisede

Via libera in Commissione Affari costituzionali alla proposta di far votare alle prossime elezioni in programma per l'8 e il 9 giugno chi studia in un Comune diverso da quello di residenza. Bisognerà però fare un'apposita richiesta 35 giorni prima.