Picchia il figlio che non vuole andare a scuola. Denunciata

picchia il figlio

 

Picchia il figlio Non voleva andare a scuola perché non si sentiva bene. Ma per la madre del tredicenne di Guidonia, si trattava solo di una scusa. Per questo, dopo aver inutilmente provato a convincere il figlio, sarebbe passata alle maniere forti, armandosi di mattarello e usando violenza contro il ragazzino. Il minore, tentando di  sfuggire alle percosse, avrebbe cinto la madre con le propire braccia, ma questa, per liberarsi dalla presa del figlio, lo avrebbe preso a morsi. Una volta a scuola però, il piccolo alunno ha confidato ogni cosa alla sua insegnante mostrandole i segni dell’aggressione. La prof  ha immediatamente fatto scattare una segnalazione e dunque una denuncia.

Convocati entrambi i genitori in commissariato dagli investigatori, dove il minore era stato nel frattempo ascoltato con tutte le precauzioni del caso, il padre avrebbe provato a respingere le accuse assicurando che il figlio era seguito ed educato con amore. Ora, è scattato l’affido del minore al padre che avrà l’obbligo di vigilare sulla situazione e la denuncia ai servizi sociali che dovranno monitorare la situazione ed entro 40 giorni presentare una relazione al Tribunale dei minori.

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

2 miliardi per rifare le scuole

Next Article

Le piante potranno resistere alle inondazioni

Related Posts
Leggi di più

Otto studenti su dieci a scuola in presenza: ecco i nuovi dati del Ministero sul rientro in classe. I docenti assenti sono l’8%

Il Ministero dell'Istruzione ha diffuso i dati sulle presenze a scuola nella settimana che va dal 17 al 22 gennaio. Tra Dad e Ddi le classi che stanno facendo lezione a distanza sono il 30% del totale. Il ministro Bianchi: "Numeri che dimostrano la bontà delle scelte fatte. Adesso regole più semplici per aiutare studenti e famiglie".