Piano straordinario di assunzioni: ecco la Fase B

Il piano straordinario di assunzioni de la Buona Scuola va avanti. Il Miur conferma che si passa alla fase B: “Si procederà, quindi, alla copertura dei posti organico di diritto rimasti vacanti, e disponibili dopo la Fase A”.
Ecco tutte le informazioni date dal Ministero tramite il suo sito ufficiale
Le proposte di nomina vengono effettuate esclusivamente tramite sistema informativo.
L’aspirante docente è nominato nella prima provincia nella quale vi sia disponibilità per l’insegnamento per cui concorre. Tale provincia è individuata scorrendo l’ordine di preferenza indicato nella domanda.

Chi partecipa

Gli aspiranti docenti non di ruolo iscritti a pieno titolo, alla data di entrata in vigore della Legge 107/2015, nelle graduatorie a esaurimento e nelle graduatorie del concorso 2012 che non hanno avuto una proposta di nomina nelle fasi precedenti.

Cosa fa l’aspirante

L’aspirante docente deve presentare domanda esclusivamente tramite sistema informativo. Il modulo di domanda è disponibile su Istanze Online del sito MIUR dalle ore 9:00 del 28 luglio alle ore 14:00 del 14 agosto.
La domanda è valida per questa fase e per la successiva.
Per questa attività è previsto, nello stesso periodo, un servizio di assistenza telefonica.
Poiché il periodo previsto per la presentazione delle domande si sovrappone con le procedure di assunzione per le Fasi Zero ed A, si raccomanda a tutti gli aspiranti di fare comunque la domanda. Le domande di coloro che verranno assunti nelle citate Fasi Zero ed A non verranno prese in considerazione.
Al momento della compilazione della domanda, gli aspiranti docenti in possesso di specializzazione sul sostegno esprimono l’ordine di preferenza fra posti di sostegno e posti comuni, specificando altresì l’ordine di preferenza fra tutte le provincie.
Le proposte di assunzione sono effettuate esclusivamente tramite il sistema informativo, all’inizio di settembre. Gli aspiranti docenti avranno dieci giorni di tempo dal momento di ricezione della proposta per accettarla o rifiutarla, sempre tramite il sistema Istanze Online. La mancata accettazione equivarrà al rifiuto.
Sul sito internet del Ministero potranno essere pubblicate ulteriori informazioni al riguardo.

Cosa fa l’USR

Fornisce indicazioni sull’assegnazione della sede di servizio all’aspirante che ha ricevuto una proposta di nomina.

Cosa fa la scuola

La scuola si occupa della stipula dei contratti.

Importante

Chi rinuncia alla nomina è automaticamente escluso dalle fasi successive ed è cancellato da tutte le graduatorie in cui è iscritto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Bando Unipharma-Graduates 2015/2016: tirocini formativi presso centri di ricerca europei

Next Article

Assunzioni, parla Giannini: "La mobilità? Nella scuola c'è sempre stata"

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.