Assunzioni, parla Giannini: "La mobilità? Nella scuola c'è sempre stata"

“La mobilità? Nella scuola c’è sempre stata. Avremo numeri fisiologici”. Sono queste le parole del ministro Stefania Giannini, intervenuta questa mattina in diretta a Uno Mattina. Il titolare del MIUR ha parlato della riforma della scuola, con al centro le discussioni sulle assunzioni da parte dei precari, e del ritorno tra i banchi a settembre.
“Con la Buona Scuola negli istituti avremo più offerta formativa e stabilità” ha esordito il ministro. Ma la discussione ha toccato anche altre tematiche, dalle nuove materie alla scuola digitale, passando per l’edilizia scolastica. “La scuola digitale non sarà solo strumenti multimediali ma docenti formati – ha continuato il ministro. Sull’edilizia scolastica c’è da fare un grande lavoro e noi lo stiamo facendo con investimenti e interventi”.
Al centro dell’intervento anche la questione dei presidi, che ha scatenato diverse polemiche tra il comparto degli insegnanti. Giannini, però, ci ha tenuto a precisare che “non verranno dati super-poteri ai presidi ma precise responsabilità e saranno valutati per il loro operato”.
“Ci sarà un avvio regolare del nuovo anno scolastico – ha concluso il ministro. La scuola parte con tutti gli insegnanti che servono”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Piano straordinario di assunzioni: ecco la Fase B

Next Article

La rassegna stampa di giovedì 27 agosto

Related Posts
Leggi di più

Raid vandalico davanti alla sede dell’Usr a Roma: scritte e fumogeni contro le denunce agli studenti per le occupazioni

Questa notte il movimento studentesco "La Lupa" ha messo a segno un blitz davanti alla sede dell'Ufficio scolastico regionale del Lazio per protestare contro la circolare del direttore generale che invitava i presidi a denunciare gli studenti che avevano dato vita alle occupazioni degli istituti nelle scorse settimane. In alcune scuole romane sono già stati presi i primi provvedimenti e avviate le procedure per le richieste di risarcimento dei danni.
Leggi di più

Lavorare dopo la maturità? Ce la fa solo il 38% dei diplomati. Strada in discesa solo per chi ha fatto il “tecnico” o il “professionale”

Un'indagine del Ministero dell'Istruzione e del dicastero del Lavoro fotografa la situazione lavorativa degli studenti dopo la fine dell'esame di maturità: solo il 38,5% dei ragazzi che si sono diplomati nel 2019 è riuscito a trovare un lavoro negli anni successivi. Numeri più confortanti per chi è uscito da un istituto tecnico o commerciale: uno diplomato su due già lavora.