Assunzioni, parla Giannini: "La mobilità? Nella scuola c'è sempre stata"

“La mobilità? Nella scuola c’è sempre stata. Avremo numeri fisiologici”. Sono queste le parole del ministro Stefania Giannini, intervenuta questa mattina in diretta a Uno Mattina. Il titolare del MIUR ha parlato della riforma della scuola, con al centro le discussioni sulle assunzioni da parte dei precari, e del ritorno tra i banchi a settembre.
“Con la Buona Scuola negli istituti avremo più offerta formativa e stabilità” ha esordito il ministro. Ma la discussione ha toccato anche altre tematiche, dalle nuove materie alla scuola digitale, passando per l’edilizia scolastica. “La scuola digitale non sarà solo strumenti multimediali ma docenti formati – ha continuato il ministro. Sull’edilizia scolastica c’è da fare un grande lavoro e noi lo stiamo facendo con investimenti e interventi”.
Al centro dell’intervento anche la questione dei presidi, che ha scatenato diverse polemiche tra il comparto degli insegnanti. Giannini, però, ci ha tenuto a precisare che “non verranno dati super-poteri ai presidi ma precise responsabilità e saranno valutati per il loro operato”.
“Ci sarà un avvio regolare del nuovo anno scolastico – ha concluso il ministro. La scuola parte con tutti gli insegnanti che servono”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Piano straordinario di assunzioni: ecco la Fase B

Next Article

La rassegna stampa di giovedì 27 agosto

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".