Philae si è risvegliato: a caccia di vita nello spazio

Il lander Philae dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), atterrato lo scorso novembre sulla cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko (67P/C–G), si è risvegliato dopo che era entrato in “ibernazione” a seguito dell’atterraggio sulla cometa, avvenuto il 12 novembre 2014. La notizia arriva dall’ESA, e ha sorpreso il mondo scientifico. Il lander, infatti, aveva esaurito la sua batteria a causa della scarsa esposizione solare.
L’ESA ha fatto sapere, inoltre, che Philae ha contattato il centro operativo dell’agenzia spaziale tedesca a Darmstadt, in Germania, alle ore 22.28 di sabato 13 giugno. 85 secondi di contatto in cui la navicella ha potuto comunicare la sua posizione.
Nella memoria di Philae, secondo le stime dell’ESA, ci sono circa 8000 pacchetti di dati e informazioni raccolte sulla cometa.
Stephan Ulamec, il responsabile delle operazioni di Philae dell’agenzia spaziale tedesca, ha detto che il lander «è pronto per eseguire alcune operazioni». David Shukman, il caporedattore scientifico di BBC, ha detto che la riattivazione di Philae è stato «uno dei momenti più sorprendenti nella storia dell’esplorazione spaziale».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Quanto fa 7+6? L'indovinello giapponese che fa impazzire il web

Next Article

Borse di studio per giovani giornalisti: 2 anni retribuiti con 1.150 euro al mese

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.