Peroni, chances a tutta birra

C’è tempo fino al 17 novembre per candidarsi a tre diverse opportunità messe a disposizione. La sede di lavoro è nella città di Roma.

Porte aperte in casa Peroni per tre giovani che potranno vivere un’interessante esperienza all’interno di una delle più famose aziende italiane.
Innanzitutto ci sono due tirocini in palio, il primo per “Psicologo del Lavoro” si rivolge ad un neolaureato o laureando in psicologia da inserire all’interno dello stabilimento produttivo in un progetto di analisi delle competenze e di change management. Il secondo denominato “Stage HR” è destinato ad un neolaureato in giurisprudenza che si troverà ad operare nel dipartimento risorse umane.

Per entrambi i profili è richiesta la conoscenza di office automation e della lingua inglese (per lo Stage HR, inoltre, sono necessarie buone conoscenze del diritto del lavoro e ottime capacità relazionali).

Contratto di apprendistato/formazione/inserimento di due anni, invece, per un brillante laureato in ingegneria meccanica che parteciperà ad un progetto internazionale in ambito produzione. Per l’annuncio denominato “Trainees” può candidarsi un giovane dietà preferibilmente compresa tra i 25/28 anni, con eccellenti conoscenze della lingua inglese, disponibilità a trasferte/trasferimenti, buona capacità di utilizzo degli strumenti informatici.

Tutti gli annunci riportano la deadline del 17/11 e sono su Roma. Le offerte sono disponibili a questo link

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dillo come ti pare, ma dì “NO”, unire i giovani contro la droga

Next Article

Anche l'Italia è Obamizzata. A Napoli i maestri del presepe sono già a lavoro. Obama: "Michelle ti amo"

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.