Per il prossimo anno scolastico in arrivo 63mila nuovi prof ma non basteranno per coprire il “buco” delle 79mila cattedre vuote

Commentando la protesta dei sindacati contro il decreto reclutamento, il ministro Bianchi ha assicurato che a settembre verranno assunti più di 60mila nuovi docenti. Un numero per insufficiente per coprire tutte le cattedre ancora disponibili per l’anno scolastico 2022/2023.

Se la matematica non è un’opinione, all’appello per il prossimo anno scolastico (nella migliore delle ipotesi) mancheranno più o meno 16mila prof. È la stima fatta dai sindacati che nella settimana scorsa hanno dato vita allo sciopero generale a ridosso degli scrutini e che hanno promesso battaglia sul nuovo decreto reclutamento.

Secondo i sindacati i numeri snocciolati anche nei giorni scorsi dal ministro Bianchi riguardo alle nuove assunzioni che il Ministero dell’Istruzione metterà in campo nei prossimi mesi non sono per niente convincenti: 61mila-63mila nuovi prof (a cui si aggiungono i 57mila già individuati nel 2021). Numeri che però non basterebbero a riempire tutti i buchi nell’organico docente che, per il 2022, erano stati stimati in almeno 79mila unità. Ecco dunque spiegato il deficit di 16mila posti che resterebbero ancora scoperti anche per l’anno scolastico 2022/2023.

Secondo i sindacati si tratta di 5.255 disponibilità nella scuola dell’infanzia, 20.923 in quella primaria, 24.136 alle medie e 29.451 alle superiori. Per riuscire a riempirne quante più possibili si scommette in primo luogo sui concorsi che si stanno svolgendo. La speranza del Ministero è che tutte e quattro le selezioni avviate nei mesi scorsi (la seconda edizione del bando sulle materie Stem e i due concorsi ordinari per infanzia /primaria e secondarie di I e II grado) o prossime all’avvio (lo straordinario su una parte dei posti rimasti scoperti l’anno scorso) possano concludersi entro l’estate. Un obiettivo che però si annuncia totalmente in salita, visti gli elevati tassi di bocciatura e le polemiche relative a tutte le ultime selezioni.

LEGGI ANCHE:

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Auricolare, microfono e un complice per vincere concorso da dirigente scolastico: denunciati

Next Article

Maturità senza mascherina? Domani si decide. L'ultima speranza è affidata al Tar

Related Posts
Leggi di più

Nicolò muore a 17 anni, amici: “Lo portiamo con noi alla maturità”

La proposta degli studenti dell’Ipsia “Lombardi” di Vercelli di sostenere l’esame di maturità per l’amico scomparso in un incidente in moto è stata accolta da preside e insegnanti: alla fine delle interrogazioni, uno di loro tornerà davanti alla commissione per Nico.