Per far emergere la creatività serve “Adrenalina”

Il Comune di Roma, Assessorato Politiche Educative Scolastiche, della Famiglia e della Gioventù e Zètema progetto cultura hanno organizzato e promosso una iniziativa totalmente dedicata all’arte e ai linguaggi creativi delle nuove generazioni. Il progetto si chiama “Adrenalina”, è aperto ai cittadini di età compresa tra i 14 e i 45 anni con opere inerenti sia le arti figurative che quelle performative.
Gli artisti i cui progetti o le cui opere saranno state selezionate verranno invitati ad esporre all’interno della manifestazione conclusiva di Adrenalina. All’interno delle selezioni si raccoglieranno e verranno valutate proposte creative per una campagna di prevenzione all’uso degli stupefacenti nelle fasce giovanili. La campagna che verrà selezionata sarà poi realizzata e promossa dal Comune di Roma.
Il materiale per la partecipazione dovrà essere spedito entro e non oltre il 16 febbraio 2009 e dovrà comprendere:
• l’apposita domanda compilata in ogni sua parte
• il presente regolamento siglato in ogni pagina e firmato in calce
• copia di un documento di riconoscimento (uno solo anche se si tratta di gruppo)
• un breve curriculum dell’artista / gruppo
• una relazione descrittiva dell’opera proposta
• un CD e/o DVD con materiale fotografico e/o video sul progetto artistico e l’opera proposta.
Il materiale dovrà essere spedito a: Selezioni Adrenalina 2009, Via Merulana 117 – 00185 Roma.
La domanda di partecipazione si può scaricare dal sito www.adrenalina.roma.it dove si possono reperire anche tutte le informazioni sull’iniziativa.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Matricole: più ingegneri, meno comunicatori

Next Article

Europa e Mediterraneotutto in un Master

Related Posts
Leggi di più

Altro che tesoro! In Italia chi trova un amico… trova un lavoro

Secondo un'indagine Inapp-Plus negli ultimi dieci anni quasi un lavoratore su quattro ha trovato occupazione tramite amici, parenti o conoscenti. Solo il 9% grazie a contatti stabiliti nell'ambiente lavorativo. Un sistema che ha delle ripercussioni anche su stipendi e mansioni (al ribasso).