Per chi progetta il futuro

Master Inarch in Architettura Digitale
Progettare a 360 gradi, creare mondi virtuali e rappresentare uno spazio di realtà. Il tutto attraverso un corso di specializzazione riservato a chi ama costruire ed ideare. Il Master Inarch in Architettura Digitale permette di indagare i linguaggi, le potenzialità e le operatività che scaturiscono dal cortocircuito tra reale e virtuale, determinato dall’irruzione della cultura e delle tecnologie informatiche nella professione del progettista.
“L’obiettivo del Master è quello di formare un progettista – sottolineano i responsabili del corso – con competenze specifiche delle più innovative tecnologie informatiche inerenti il rilievo, la progettazione e la rappresentazione dell’architettura e dell’ambiente, la creazione di elaborati grafici e multimediali. La figura del professionista che esce dal Master è quella di un architetto o ingegnere capace non soltanto di gestire i più moderni linguaggi della progettazione, ma il complesso delle attività e degli strumenti che “fanno” oggi il progetto e che ne gestiscono la sua comunicazione”.
Attraverso specifiche conoscenze, acquisite durante le lezioni, il corsista riesce ad avere una capacità di controllo critico sulle tecnologie e sulle procedure, utile anche nell’analisi e nella scelta, ma anche nell’uso, sia degli strumenti direttamente appresi nel corso, che degli altri grazie alla comprensione non soltanto delle specifiche routine di lavoro, ma delle logiche operative settoriali nei campi del disegno CAD, della grafica raster, della modellazione 3D e della comunicazione digitale.
Al termine dell’attività didattica ad ogni studente è assegnato, sulla base delle valutazioni conseguite, un periodo di stage della durata di tre/sei mesi presso studi di architettura nazionali ed internazionali. “Da luglio ad ottobre 2005 – racconta una ex-allieva del corso – ho vissuto una delle più belle esperienze lavorative ed umane. Durante lo stage abbiamo realizzato la progettazione definitiva degli uffici della DARC. Progettazione spinta ed un gran divertimento. Un’esperienza che mi ha arricchita molto più di quanto avrei pensato”.
Ma chi può iscriversi al Master? L’accesso è riservato a persone in possesso di laurea in Architettura, Ingegneria o diplomi equivalenti e studenti laureandi delle facoltà suddette. Saranno presi in considerazione anche titoli o lauree di diverso tipo e/o indirizzo purché venga mostrato un particolare interesse culturale-professionale in merito alle materie trattate.
Info: IN/ARCH – Istituto Nazionale di Architettura – via Crescenzio, 16 – 00193 Roma – Tel. 06.68.80.22.54 www.inarch.it.
Domanda di iscrizione entro: 13 novembre 2008/ data d’inizio: 4 dicembre 2008

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Stage da Ikea come intranet publisher

Next Article

Borsa di Studio Valentini tutta al femminile

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.