Pepper, il robot personal trainer nato dall’ingegno del Politecnico

Il personal trainer è un robot: idea e sviluppo condotto da un team di studenti dell’Alta Scuola Politecnica di Torino e Milano.

Il personal trainer è un robot: l’idea e lo sviluppo software e, in parte, hardware del robot sono stati oggetto del progetto multidisciplinare “AI empowered hardware for fitness applications” condotto da un team di studenti dell’Alta Scuola Politecnica dei Politecnici di Torino e Milano.

Palestre chiuse? Il robot diventa il personal trainer per allenarsi a casa.

L’umanoide sportivo dà consigli e corregge anche la postura: progettato dal Politecnico di Milano e da quello di Torino. Sviluppata anche la versione low-cost su telefonino

Un robot come personal trainer che assiste chi si allena in palestra, prepara la scheda con gli esercizi, osserva e corregge gli errori in tempo reale, conta le ripetizioni e registra i dati dell’allenamento. L’idea era questa e l’obiettivo è raggiunto: Pepper, presentato nel 2014 in Giappone come «il primo robot umanoide in grado di capire e reagire alle emozioni», e già utilizzato come assistente in negozi e aeroporti, adesso è stato preparato anche come allenatore. L’ha programmato un gruppo di ingegneri e designer del Politecnico di Milano e del Politecnico di Torino. E quel team di studenti e neolaureati, età media 24 anni, ha creato anche la start up Gymnasio per realizzare una versione più maneggevole e meno costosa, da utilizzare per allenarsi a casa in tempo di pandemia con le palestre chiuse.

«Il nostro allenatore virtuale può essere anche in un cubo dieci per dieci, un dispositivo high tech posizionabile in un ambiente piccolo. E avrà un costo ridotto. La sfida per noi era anche “democratizzare” l’allenamento, non tutti possono permettersi un personal trainer», dice Giuseppe Pastore, fra i sette studenti dell’Alta scuola Politecnica che hanno sviluppato il progetto del robot allenatore. «Le funzioni sono le stesse programmate su Pepper che è diventato anche allenatore utilizzando algoritmi di Intelligenza Artificiale — spiegano —. Ti riconosce, apre il profilo con lo storico dei tuoi allenamenti, ti osserva mentre svolgi gli esercizi a corpo libero, modella la postura, corregge e alla fine ti consegna una scheda con i risultati. Per sviluppare questo progetto abbiamo coinvolto anche laureati in scienze motorie e personal trainer».

Il gruppo ha creato per Pepper un nuovo programma e ne ha anche modificato l’aspetto: «Abbiamo integrato componenti hardware, aggiungendo una telecamera sotto il tablet fissato sulla sagoma e anche uno zainetto per supportare la nuova scheda». Poi la versione per l’allenamento a casa: «Il progetto è seguito al Polihub di Milano, la console sarà sul mercato per la prossima estate e sarà più accessibile, avrà un costo molto più contenuto rispetto al robot ideato come soluzione per le palestre, prima della pandemia. Abbiamo utilizzato lo stesso modello e l’allenatore virtuale arriverà anche a casa».

milanocorriere

torinotoday

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Autocertificazione Covid Aprile 2021 : modulo da scaricare

Next Article

Educazione civica, concorso Parlawiki Il vocabolario della democrazia

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".