Pedofilia on-line in crescita

La pedofilia su internet. Nell’ultimo anno è aumentata del 16,5%; ogni sito ha più di centomila utenti al giorno, di cui il 5% sono italiani.

La pedofilia è, purtroppo, un argomento di forte attualità. Dati recenti confermano che solo nell’ultimo anno, su internet, è aumentata del 16,5%. Ogni sito ha più di centomila utenti al giorno, di cui il 5% sono italiani.
Questo l’argomento di oggi nella trasmissione “Dietro quel video – La nuova frontiera dei pedofili”di [email protected], la web radio dell’Università degli studi di Salerno. Tra gli ospiti ci saranno Daniele Damele,vice-presidente del Comitato di garanzia internet e minori, Antonio Marziale dall’Osservatorio sui diritti dei minori, Andrea Nalin del Telefono Azzurro e Elisabetta Scala del Moige, movimento italiano genitori.
La puntata trarrà spunto anche dall’ accordo che è stato siglato in mattinata, presso l’aula del senato accademico dell’ateneo salernitano, tra l’Università degli studi di Salerno ed il centro nazionale di contrasto alla pedopornografia on-line (CNCPO).
La collaborazione è stata sottoscritta dal Rettore Pasquino e dal direttore centrale per la polizia stradale, ferroviaria, delle comunicazioni e per i reparti speciali della polizia di stato, prefetto Oscar Fioriolli.
Lo scopo è quello di avviare una valida attività tra i ricercatori dell’Università di Salerno ed i nuclei della Polizia di Stato, attraverso lo sviluppo di strumenti provenienti dal campo del digital forensic a supporto delle investigazioni on-line per il contrasto alla pedopornografia.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Agosto-Settembre 2010: Climatic Change

Next Article

Nuove borse Fulbright

Related Posts
Leggi di più

Green pass Day, regole controlli e eccezioni

Per i dipendenti che non hanno esibito la certificazione verde all’ingresso del luogo di lavoro è scattata da subito l’assenza ingiustificata e la sospensione dello stipendio, senza perdere il loro rapporto di lavoro, fino all’esibizione del Green pass. 
Leggi di più

Processo Regeni, blocco per “avvisare gli accusati delle imputazioni”

La palla ripassa al gup. Gli imputati irreperibili non hanno comunicato il domicilio e non possono essere così avvisati delle imputazioni. Nuova rogatoria avviata per le ricerce, la famiglia alla stampa: "Scrivete i loro nomi ovunque perché non possano sostenere di non sapere"