Patto Miur Unioncamere per favorire l’occupabilità tra i giovani

Ferruccio Dardanello
Ferruccio Dardanello

Il ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca e Unioncamere hanno sottoscritto un accordo di programma, siglato dal ministro Francesco Profumo e dal presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello, il cui obiettivo e’ proseguire e intensificare gli ambiti di collaborazione gia’ esistenti tra sistema camerale e sistema scolastico-formativo, integrando il precedente protocollo d’intesa siglato nel 2003, e dare in questo modo nuovo impulso a tutte le iniziative dirette ad agevolare l’occupabilita’ e l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro.

Con una disoccupazione giovanile che ha superato il 37% diventa “ancora più impellente mettere in campo azioni volte a favorire il collegamento tra scuola e lavoro, in maniera da poter orientare i ragazzi verso scelte di studio e di lavoro più facilmente spendibili”.

“L’accordo con il Miur – sottolinea il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello – testimonia il clima estremamente favorevole nei rapporti tra sistema scolastico-formativo e sistema camerale. Esso è frutto anche dell’interesse, dell’attenzione e della disponibilità crescenti incontrate presso il Ministero e gli Uffici Scolastici Territoriali dall’impegno delle Camere di commercio, del ruolo che esse ormai svolgono sui territori di anello di congiunzione tra mondo della formazione ed esigenze dei sistemi economico-produttivi e, grazie all’esperienza decennale maturata con il Sistema informativo Excelsior, di soggetto di riferimento nell’analisi dei fabbisogni formativi e professionali”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sport e studio, Campriani: "Vi racconto come ce l'ho fatta"

Next Article

Ecco il decalogo per chi lavora con i social

Related Posts
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.