Patto Miur Unioncamere per favorire l’occupabilità tra i giovani

Ferruccio Dardanello
Ferruccio Dardanello

Il ministero dell’Istruzione, dell’Universita’ e della Ricerca e Unioncamere hanno sottoscritto un accordo di programma, siglato dal ministro Francesco Profumo e dal presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello, il cui obiettivo e’ proseguire e intensificare gli ambiti di collaborazione gia’ esistenti tra sistema camerale e sistema scolastico-formativo, integrando il precedente protocollo d’intesa siglato nel 2003, e dare in questo modo nuovo impulso a tutte le iniziative dirette ad agevolare l’occupabilita’ e l’ingresso dei giovani nel mondo del lavoro.

Con una disoccupazione giovanile che ha superato il 37% diventa “ancora più impellente mettere in campo azioni volte a favorire il collegamento tra scuola e lavoro, in maniera da poter orientare i ragazzi verso scelte di studio e di lavoro più facilmente spendibili”.

“L’accordo con il Miur – sottolinea il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello – testimonia il clima estremamente favorevole nei rapporti tra sistema scolastico-formativo e sistema camerale. Esso è frutto anche dell’interesse, dell’attenzione e della disponibilità crescenti incontrate presso il Ministero e gli Uffici Scolastici Territoriali dall’impegno delle Camere di commercio, del ruolo che esse ormai svolgono sui territori di anello di congiunzione tra mondo della formazione ed esigenze dei sistemi economico-produttivi e, grazie all’esperienza decennale maturata con il Sistema informativo Excelsior, di soggetto di riferimento nell’analisi dei fabbisogni formativi e professionali”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sport e studio, Campriani: "Vi racconto come ce l'ho fatta"

Next Article

Ecco il decalogo per chi lavora con i social

Related Posts
Leggi di più

Alluvione, la lettera della preside di Faenza ai prof: “Vi prego, niente verifiche e interrogazioni agli studenti”

Paola Falcioni, dirigente dell'istituto superiore "Torricelli Ballardini" ha scritto ai docenti della sua scuola per invitarli a non effettuare interrogazioni e verifiche al rientro in classe dopo l'emergenza provocata dall'alluvione che ha colpito la città romagnola. "I ragazzi al pomeriggio devono aiutare chi ha bisogno. Le priorità sono altre".