Parte da Roma il ‘Tour des Capitales’ per un’Europa unita nella ricerca scientifica e nell'innovazione

Oggi al MIUR la prima tappa del viaggio della Commissione Europea
con il Ministro Fioramonti e il Direttore Generale alla Ue Paquet

Sarà l’Italia ad ospitare la prima tappa di ‘ERA Tour des Capitales’, l’iniziativa promossa dalla Commissione Europea, insieme agli Stati Membri dell’Unione, per rilanciare l’idea di un’area europea comune – lo Spazio Europeo della Ricerca – che favorisca la circolazione di ricercatori, la cooperazione scientifica e tecnologica. La prima tappa di ‘ERA Tour des Capitales’ si svolgerà a Roma, oggi, 16 dicembre 2019, alle 14.30, al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR), nella Sala ‘Aldo Moro’.
Saranno presenti il Ministro Lorenzo Fioramonti e il Direttore Generale della Ricerca e Innovazione della Commissione Europea, Jean-Eric Paquet. Parteciperanno anche i rappresentanti delle istituzioni, del mondo della ricerca e della società civile. L’incontro sarà moderato da Valerio Rossi Albertini, divulgatore scientifico del CNR (il Consiglio Nazionale delle Ricerche).
L’evento sarà preceduto da un incontro multilaterale – dalle 10.30 alle 13.00 – che metterà a confronto attori istituzionali, esperti e rappresentanti del mondo della ricerca e dell’innovazione per lanciare proposte, idee e iniziative che la Commissione e gli Stati Membri saranno chiamati ad attuare nei prossimi anni. All’incontro anche il Ministro Fioramonti e il Direttore Paquet.
I colleghi delle testate giornalistiche potranno seguire l’evento inaugurale del ‘Tour des Capitales’ a partire dalle ore 14.30. Per accrediti stampa: [email protected]
L’iniziativa potrà essere seguita in diretta streaming dalle ore 14.30 sul sito www.miur.gov.it

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ambiente, l’Assessore Magliani: “Contributi sul Plastic free, opportunità per le scuole”

Next Article

Scuola, al via oltre 3 mila nuovi progetti PON. Dal 2014 al 2020 risorse per 2,8 miliardi dal Programma Operativo Nazionale

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident