Parma, studenti esonerati dalle tasse

L’Università di Parma nelle ultime sedute del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione ha deliberato che, a seguito degli eventi sismici che hanno colpito l’Emilia Romagna nel maggio 2012, gli studenti residenti nei comuni interessati dal sisma siano esonerati totalmente dal pagamento delle tasse per l’anno accademico 2012/2013.

L’Università di Parma nelle ultime sedute del Senato Accademico e del Consiglio di Amministrazione ha deliberato che, a seguito degli eventi sismici che hanno colpito l’Emilia Romagna nel maggio 2012, gli studenti residenti nei comuni interessati dal sisma siano esonerati totalmente dal pagamento delle tasse per l’anno accademico 2012/2013. Tale beneficio è esteso anche a coloro che dovranno effettuare il pagamento della II rata per l’anno accademico 2011/2012.

L’esonero previsto dall’Ateneo di Parma è destinato solo agli studenti in possesso delle seguenti condizioni:
• studenti che hanno l’inagibilità dell’abitazione di residenza, a seguito degli eventi sismici;
• studenti fiscalmente a carico di famigliari forzatamente in cassa integrazione o destinatari di erogazioni di integrazione salariale, indennità di mobilità o altre indennità legate a sospensione del lavoro o disoccupazione a seguito degli eventi sismici.

Per accedere a tali benefici è necessario compilare un’autocertificazione che attesti una delle due condizioni.

Gli studenti interessati dovranno pagare comunque l’importo della tassa regionale (€ 140,00) e l’imposta di bollo virtuale (€ 29,24).

Per ulteriori informazioni:
– Settore Comunicazione([email protected])
– Settore Contributi e diritto allo studio ([email protected])
– Segreterie studenti di Facoltà

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Udu: tasse troppo alte uccidono il diritto allo studio

Next Article

La fine del mondo? Tra 16 miliardi di anni

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".