Papa Francesco: udienza, “studenti e insegnanti siate artefici del futuro”.

PAPA FRANCESCO ai docenti: Garantire ambienti sicuri per studenti “privati del diritto all’educazione a causa di guerre e terrorismo”

PAPA FRANCESCO ai docenti: Garantire ambienti sicuri per studenti “privati del diritto all’educazione a causa di guerre e terrorismo”

“Vi chiedo di amare di più gli studenti ‘difficili’, quelli che non vogliono studiare, quelli che si trovano in condizioni di disagio, i disabili e gli stranieri, che oggi sono una grande sfida per la scuola. E ce ne sono di quelli che fanno perdere la pazienza.

Gesù direbbe: se amate solo quelli che studiano, che sono ben educati, che merito avete? Qualsiasi insegnante si trova bene con questi studenti.
In una società che fatica a trovare punti di riferimento – avverte Bergoglio – è necessario che i giovani trovino nella scuola un riferimento positivo.

Essa può esserlo o diventarlo se al suo interno ci sono insegnanti capaci di dare un senso alla scuola, allo studio e alla cultura, senza ridurre tutto alla sola trasmissione di conoscenze tecniche, ma puntando a costruire una relazione educativa con ciascuno studente, che deve sentirsi accolto ed amato per quello che è, con tutti i suoi limiti e le sue potenzialità.

Per trasmettere contenuti è sufficiente un computer, per capire come si ama, quali sono i valori, e quali le abitudini che creano armonia nella società ci vuole un buon insegnante”.

Papa Francesco🎈

Il Papa prega per gli insegnanti e gli studenti in questo tempo di pandemia

Nella Messa a Santa Marta, Francesco pensa alle difficoltà di docenti e ragazzi per le scuole chiuse in tanti Paesi a causa del Covid-19

Francesco ha presieduto la Messa a Casa Santa Marta (VIDEO INTEGRALE) nel venerdì della seconda settimana del Tempo di Pasqua. Nell’introduzione rivolge il suo pensiero al mondo della scuola colpito dal nuovo coronavirus:

Preghiamo oggi per gli insegnanti che devono lavorare tanto per fare lezioni via internet e altre vie mediatiche e preghiamo anche per gli studenti che devono fare gli esami in un modo nel quale non sono abituati. Accompagniamoli con la preghiera.

Nell’omelia, il Papa commenta il Vangelo odierno (Gv 6,1-15) che racconta la moltiplicazione dei pani e dei pesci. Gesù mette alla prova gli apostoli che non sanno come sfamare la grande folla che li segue: li fa crescere. Gesù – afferma Francesco – amava stare in mezzo alla folla. Non così i suoi discepoli: e li correggeva. Gesù cercava la vicinanza della gente e insegnava ai pastori ad essere vicini alla gente. Il popolo di Dio stanca – sottolinea – perché sempre chiede ai pastori cose concrete e il pastore deve prendersi cura di ciò che chiede il popolo.

Gesù dice ai discepoli: “Dategli voi da mangiare”. E questo lo ridice oggi ai pastori: dare, dare alla gente. Poi Gesù va a pregare il Padre. Questa doppia vicinanza del pastore: al Padre e alla gente. La folla, dopo la moltiplicazione dei pani e dei pesci, vuole prendere Gesù per farlo re.

Forse – nota il Papa – qualche apostolo sarebbe stato contento di approfittare di questa occasione per avere il potere: una tentazione. Ma il potere del pastore – ha detto Francesco – è il servizio e quando si sbaglia su questo punto il pastore rovina la vocazione e diventa gestore di imprese pastorali ma non pastore. Preghiamo per i pastori – è la preghiera conclusiva del Papa – perché il Signore ci insegni a non avere paura di essere vicini al suo popolo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Scuola, Bianchi: "Nuovi esami in presenza per medie e superiori"

Next Article

"Nessuna evidenza che il 5G faccia male alla salute". Una ricerca ha analizzato 107 studi per fare chiarezza

Related Posts