Papà a 96 anni, la notizia fa il giro del mondo

Una storia che fa sorridere arriva dall’India dove Ramajit Raghav, un contadino di Haryana, ha battuto un primato piuttosto curioso diventando il padre più anziano del mondo, a 96 anni. A renderlo noto il Times of India.

Una storia che fa sorridere arriva dall’India dove Ramajit Raghav, un contadino di Haryana, ha battuto un primato piuttosto curioso diventando il padre più anziano del mondo, a 96 anni. A renderlo noto il Times of India.

L’uomo aveva già attirato l’attenzione dei media nel 2010 quando aveva rivelato di aver avuto il suo primo figlio maschio dalla moglie, Shakuntala Devi.

Ora la signora Devi, che ha 52 anni, ha partorito il 5 ottobre in un ospedale di Sonipat (a 40 chilometri da New Delhi) un secondo maschietto che i medici hanno definito “sano e robusto” e che ora vive nella casa dei genitori con il fratellino Vikramjeet di due anni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

L'italiano rischia l'estinzione digitale

Next Article

Ricambio generazionale, Bersani: il cambiamento ci sarà, la ruota girerà

Related Posts
Leggi di più

Giro di vite sui baby influencer: certificazione per accedere ai social e stop alla gestione dei profitti da parte dei genitori

Il Tavolo tecnico sulla tutela dei diritti dei minori nel contesto dei social network sta preparando un documento da presentare alla ministra Cartabia per cercare di dotare di nuove regole la "giungla" che riguarda i minori in rete. L'esempio da seguire è quello della Francia che ha approvato da poco tempo una legge ad hoc.
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".