Palermo, relazioni umane in ateneo

foto-pagina-8.jpgRapporti difficili tra i banchi? Il dubbio questa volta nasce nelle università e non nelle aule di scuola. In particolare a Palermo, dove una indagine statistica sulla qualità delle relazioni umane all’interno dell’Ateneo, ha messo in luce un quadro complesso fatto di rapporti formali o addirittura conflittuali.
Dall’analisi dei dati – condotta da un gruppo di ricercatori del dipartimento di Contabilità nazionale e analisi dei processi sociali – viene fuori che le percezioni sulla natura delle relazioni tra docenti non sempre sono positive, anzi il 52% dei professori le considera conflittuali, eppure il 70% di chi insegna considera la collaborazione fonte di crescita, requisito per operare nel quotidiano.
Ma non tutto è da buttare. La relazione tra docenti e studenti è soddisfacente: il 50% dei professori dichiara apprezzamento per gli studenti, mentre il 54% degli studenti prova stima e rispetto per i docenti, il 7% perfino gratitudine, ma un quarto dei ragazzi manifesta sensazioni negative come risentimento, rabbia, indifferenza e amarezza.
I risultati della ricerca, svolta su un campione di 102 docenti (ordinari, associati e ricercatori) e su 506 studenti, sono stati presentati allo Steri, durante il convegno nazionale su «La qualità delle relazioni umane nell’Università», organizzato da Age (Associazione italiana genitori) e Aidu (Associazione italiana docenti universitari) in collaborazione col Cesvop di Palermo.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Foro Italico-Real, la ricerca dei campioni

Next Article

Ue, esperimenti a gravità zero

Related Posts
Leggi di più

Picchiavano i compagni di classe e postavano i video su Telegram: sei bulli finiscono in manette. “Violenze anche davanti ai professori”

Indagine dei carabinieri in provincia di Milano che ha portato all'arresto di sei studenti di un'istituto superiore accusati di violenze e maltrattamenti nei confronti dei loro compagni di classe. I video delle violenze venivano postate sulle chat di Telegram dove in pochi giorni hanno raggiunto le 100mila visualizzazioni. I pestaggi avvenivano addirittura in aula sotto gli occhi dei docenti.