Palermo, 12enne vittima dei bulli minaccia di darsi fuoco a scuola

Esasperato per i continui atti di bullismo, un alunno di 12 anni, che frequenta la seconda media dell’istituto comprensivo Rosario Porpora di Cefalù, in Sicilia, si è gettato del liquido infiammabile addosso e con un accendino ha minacciato di darsi fuoco. Fortunatamente gli insegnanti e i compagni sono riusciti a bloccarlo. È stato poi accompagnato in ospedale per essere visitato. I carabinieri indagano per capire cosa sia accaduto al giovane e cosa lo abbia spinto ad un gesto tanto grave. I carabinieri avrebbero appurato che effettivamente è stato vittima di bullismo da parte di studenti di altre classi. Sono in corso indagini per risalire anche ai ragazzini che hanno reso un inferno la vita al giovanissimo alunno.
L’episodio risale a ieri, ma è stato reso noto solo oggi. Nell’istituto scolastico di via Enrico Fermi sono intervenuti sia i genitori del ragazzo che i militari dell’Arma, i quali hanno raccolto le prime informazioni e comunicato l’accaduto all’autorità giudiziaria. Sembrerebbe che il dodicenne non avesse realmente intenzione di togliersi la vita, ma il suo sarebbe stato più un gesto disperato per “attirare l’attenzione” sul delicato momento emotivo che sta vivendo.
 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

UniInsubria, studentessa medaglia d'argento agli Europei di Cross

Next Article

"Perché lo fanno?". Ragazzo denuncia i bulli e la Rete si mobilita: solidarietà per Keaton

Related Posts
Leggi di più

Docenti poco rispettati dagli studenti? “È soprattutto colpa dei genitori”

Un sondaggio di Swg per la Gilda Insegnanti prova a capire la cause che hanno portato alla perdita di autorevolezza della figura dell'insegnante. Per la maggioranza degli intervistati la causa principale è lo screditamento della figura del prof messo in atto dai genitori degli studenti con continue interferenze nell'ambito didattico.