Orientamento, km zero e gruppi di acquisto: le idee vincenti di Officine Italia

Fare rete, in tutti i sensi. In un periodo di distanziamento sociale la necessità di mettersi insieme virtualmente è sempre più forte. Orientamento, gruppi di acquisto solidali e smaltimento dell’eccesso di produzione alimentare sono le idee vincitri di Officine Italia, una tre giorni virtuale in cui gruppi di giovani hanno gareggiato tra loro per cercare soluzioni a problematiche portate dalla crisi sanitaria ed economica da covid-19.

“Con questo evento abbiamo cercato di dare una risposta alle problematiche attuali e future che questa tragica situazione ci costringe a subire”, afferma una delle moderatrici Giulia Realmonte. Bellazza, talento, network sono i temi affrontati da speech, dibattiti e sfide a colpi di idee. I vincitori sono: Campo digitale, app di servizio distribuzione alimentare a km 0 basato su gruppi di acquisto solidale online attraverso una piattaforma e-commerce; Talentiverisity, piattaforma di orientamento che rimette al centro gli studenti nelle scuole di periferia sulla scelta del proprio futuro universitario; Agroasta, piattaforma che mette insieme domanda e offerta di prodotti alimentari invenduti riallocandoli sul mercato in un certo tempo limite ad una distanza massima di 30km.

Non è mancato, però, un quarto tema: la cucina. E come maestro d’accezione lo chef stellato Pasquale Palamaro che ha preparato, insieme al pubblico da casa, un primo con brodo di spigola e filetto di quest’ultima al forno. “Io confido che i giovani saranno queli che porteranno a termine ciò che noi non siamo riusciti a fare!”, è il brindisi dello chef.

Molti i progetti presentati alla giuria di qualità formata da docenti ed esperti del campo imprenditoriale: dal turismo, ai cervelli in fuga al network di piccole imprese. Tra le dinamiche che andranno risolte nell’immediato futuro, secondo gli esperti delle imprese, vi sono “l’incomunicabilità che ancora attanaglia mondo accademico e imprenditoriale – afferma Giulia Amico di Innovation School Talent Garden – senza dimenticarsi che quando presentiamo un progetto o un’idea dobbiamo domandarci l’importanza dell’unicità di quanto proponiamo”. Non mancano le previsioni per il futuro della società post covid-19: “Il virus a messo a nudo l’incapacità della società di rispondere a certi tipi di emergenza – spiega la prof. Paola Dubini dell’università Bocconi -. Poche risorse per troppe persone, dobbiamo ripensare un mondo intero e non sarà né semplice, né immediato”.

Riscopire le potenzialità entro i confini nazionali. “La bellezza dovrà ripartire dai borghi e dai piccoli eventi comunali – immagina il professor Massimo Tonelli -. Una contaminazione di settori come la ristorazione, il turismo, l’accoglienza e l’agricoltura”. Finanche ai musei che dovranno ripensare ai propri spazi: “Molti sono riusciti ad offrire una buona esperienza online, altri meno. Tutti però hanno dimostrato una veloce capacità di risposta alle chiusure che negli anni precedenti non ci saremmo mai aspettati”, conclude. Una risposta che questi giovani hanno cercato di dare coinvolgendo i loro coetanei e tutti quelle persone che credono in un futuro più incerto ma pieno di opportunità da cogliere.

leggi anche:
Coronavirus, i giovani ripartono da Officine Italia
Nasce “Officine Italia”, lasciamoci ispirare dai giovani
Evento virtuale di Officine Italia – Italia post COVID-19 #ripartiamoinsieme

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Coronavirus, i giovani ripartono da Officine Italia

Next Article

UDU: IL MINISTRO IGNORA GLI STUDENTI SU ABILITAZIONI PROFESSIONALI. ESAME DI STATO, ALMENO ABOLIAMO LA TASSA

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.