Orientale: interviene la polizia

Le forze dell’ordine sono intervenute a Palazzo Giusso, sede de L’Orientale, per sgomberare dagli occupanti i locali dell’ex mensa .

In seguito alla mozione del Senato Accademico dell’Università L’Orientale, questa mattina le forze dell’ordine sono intervenute per sgomberare il gruppo Z.e.r.081 che, in data 17 gennaio, aveva preso possesso dei locali destinati all’ex mensa di Palazzo Giusso.

“La questione è nata perché alcuni ragazzi hanno fatto richiesta di spazi più adeguati per vivere l’università senza però sapere che ci sono già accordi regionali grazie ai quali l’ex mensa si trasformerà in luoghi di studio e aggregazione” ha spiegato a noi del Corriere dell’Università il sig. Accurso dell’amministrazione centrale d’ateneo. Gli accordi con la Regione Campania prevedono l’inizio dei lavori di messa a nuovo tra circa due mesi e, come ha detto Accurso, l’intenzione è proprio quella di destinare ai giovani gli spazi inutilizzati. “Per il momento si sta cercando di sgomberare la mensa dalle attrezzature da cucina attraverso gare di vendita, poi si procederà subito con i lavori. Sia gli studenti che il corpo accademico vogliono la stessa cosa: dare qualcosa ai giovani. E’ un peccato che si stia creando questo malcontento” ha affermato l’amministratore.

E purtroppo i segni di intolleranza nei confronti dei vertici d’ateneo sono ben visibili dalle scritte lasciate alla sede di Giusso (in foto). “Devo però dire che non si tratta di una situazione diffusa. Come sempre ci sono studenti e studenti, questo malcontento non è di tutti” ha concluso Accurso.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Torino, ricercatori contro riforma

Next Article

Napoli, città per i giovani

Related Posts
Leggi di più

Rientro dei cervelli in fuga, la ministra Messa ci crede: “Abbiamo messo sul piatto 600 milioni di euro”

In Senato la ministra dell'Università ha confermato l'importante stanziamento del Governo grazie ai fondi del PNRR riguardo al programma di rientro dei ricercatori italiani che sono andati a lavorare all'estero. E sul no della Gran Bretagna per il visto speciale per i nostri laureati: "Noi siamo diversi da loro e accogliamo chiunque abbia le capacità di innovare".