Oréal Italia e Unesco: premio in rosa

Unesco e ’Oréal Italia uniti per il premio “For Women in Science”

Milano 24 maggio, 2010. Sono state assegnate, presso la Sala di Rappresentanza dell’Università degli Studi di Milano, le cinque Borse di Studio “L’Oréal Italia Per le Donne e la Scienza in collaborazione con la Commissione Nazionale per l’UNESCO.
Hanno preso parte alla Cerimonia: Ferruccio Fazio, Ministro della Salute, Letizia Moratti, Sindaco di Milano,  Ilaria Capua, Direttore del Centro di Referenza Nazionale, OIE/FAO per l’Influenza Aviaria e la Malattia di Newcastle presso l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie – Legnaro – PD, Lara Comi, Deputata al Parlamento Europeo Gruppo PPE-DE e Vice-Presidente della Commissione IMCO, Enrico Decleva, Rettore dell’Università degli Studi di Milano, Giorgina Gallo, Presidente e Amministratore Delegato L’ORÉAL Italia, Giovanni Puglisi, Rettore dell’Università IULM e Presidente della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO, e Umberto Veronesi, Direttore Scientifico dell’Istituto Europeo di Oncologia e Presidente della Commissione Giudicatrice delle Borse di Studio.
Le cinque giovani scienziate hanno ricevuto una Borsa di Studio del valore di 15.000 euro per proseguire la propria attività di ricerca nel campo delle Scienze della Vita e della Materia.
Tra le oltre duecento candidature pervenute da tutta Italia, la Giuria ha individuato le cinque più meritevoli: Cinzia Chiandetti – psicologa (Università di Trento), Marina Faiella – chimica (Università Federico II di Napoli), Valentina Dominici – chimica (Università di Pisa), Maria Ludovica Saccà – biologa (Università di Bologna), Lavinia Nardinocchi – biotecnologa (Istituto Nazionale dei Tumori Regina Elena di Roma).
Durante la Cerimonia, si è svolta una tavola rotonda sul tema  “Donne e ricerca scientifica in Italia: possiamo renderlo un binomio virtuoso?” da cui sono emerse alcune proposte concrete per sostenere la carriera delle donne in ambito scientifico.
“La partnership con l’Unesco ci permette di incoraggiare e di sostenere le donne che operano nella ricerca scientifica.” – ha dichiarato Giorgina Gallo, Presidente e Amministratore Delegato L’Oréal Italia –  “E’ nostro dovere fare il possibile per evitare di perdere dei giovani talenti che attraverso la loro ricerca possono migliorare la vita delle persone e offrire nuove speranze per la risoluzione dei problemi dell’umanità”.
“Le Borse di Studio L’Oréal Italia Per le Donne e la Scienza vogliono dare un sostegno concreto al progresso della ricerca al femminile” –  ha affermato il Professor Umberto Veronesi durante la cerimonia di premiazione – “Sono onorato di poter assegnare un premio a delle giovani donne che hanno intrapreso con perseveranza e dedizione un percorso spesso difficoltoso. Queste cinque ragazze sono un patrimonio per il nostro paese e sono dei validi modelli per le generazioni future ” .

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Miglioriamo la BRAU

Next Article

Countdown maturità

Related Posts
Leggi di più

Erasmus+, un partecipante su tre trova lavoro all’estero dopo il tirocinio

I dati di un'indagine svolta dall’Agenzia nazionale Erasmus+ evidenziano come oltre il 30% dei partecipanti ai programmi di formazione fuori dai confini italiani alla fine del percorso siano riusciti ad inserirsi nel mondo del lavoro dei paesi ospitanti. Quest'anno sono già 457 i progetti di mobilità individuale ricevuti.
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.
Leggi di più

Smart working, dopo giugno solo il 15% delle imprese permetterà il lavoro a distanza in una città diversa dalla sede aziendale

Secondo un'indagine dell'Associazione italiana per la direzione del personale quasi 9 aziende su 10 sono disponibili ad utilizzare il lavoro da remoto dopo la deadline del 30 giugno. Solo il 15% però è disposto a far lavorare gli smartworker nelle loro città di origine. Una scelta che potrebbe penalizzare soprattutto i laureati del sud.