Opportunità nelle telecomunicazioni

La società cinese Huawei, che si occupa di fornire soluzioni per le telecomunicazioni, cerca Italian Language Specialist da inserire con contratto full-time presso la sede di Nanchino e con contratto part-time e possibilità di lavorare ovunque.

Chinese Huawei company agrees two billion dollar British deals

La società cinese Huawei, che si occupa di fornire soluzioni per le telecomunicazioni, cerca Italian Language Specialist da inserire con contratto full-time presso la sede di Nanchino e con contratto part-time e possibilità di lavorare ovunque.

Responsabilità principali:
tradurre documenti di Huawei dall’inglese all’italiano o dall’italiano all’inglese
eseguire il test linguistico sulla GUI (Interfaccia grafica utente) italiana dei dispositivi e applicazioni Huawei
arricchire la terminologia e la guida di stile dell’italiano e implementare la QA (garanzia di qualità) della lingua italiana

Si richiede:
padronanza dell’italiano e dell’inglese, preferibile con un po’ di conoscenza della lingua cinese
precedenti esperienze lavorative di traduzione e localizzazione
conoscenza approfondita sul settore ICT (Tecnologie dell’informazione e della comunicazione)
abilità nell’uso di applicazioni MS-Office e strumenti CAT (Traduzione assistita dal computer)
senso di responsabilità, capacità di apprendimento ed entusiasmo per la lingua

Gli interessati alle posizioni sopra citate, inviare il CV a [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Harvard: espulsi i copioni

Next Article

Truffa in rete con il logo dell'Fbi

Related Posts
Leggi di più

Facebook, in Europa 10mila posti lavoro in 5 anni

. "La regione sarà messa al centro dei nostri piani per aiutare a costruire il metaverso che ha il potenziale di aiutare a sbloccare l'accesso a nuove opportunità creative, sociali ed economiche", spiegano Nick Clegg, Vice Presidente Global Affairs del colosso di Menlo Park
Leggi di più

Salario minimo, cos’è e perché ce lo chiede l’UE

A riporta in auge il tema è una proposta rilanciata da Partito democratico e Movimento 5 Stelle. Tranne timide eccezioni, l'idea non sembra però raccogliere l'entusiasmo né delle parti sociali, né degli altri partiti di maggioranza. Eppure allargando lo sguardo, solo sei Paesi europei, Italia compresa, non possiedono una normativa del genere.