Olocausto: ricordare per non ripetere

Celebrazioni nel Giorno della Memoria, come ogni anno le università campane mantengono vivo il ricordo di quei fatti indegni.

Oggi, 27 gennaio si celebra il Giorno della Memoria ovvero la ricorrenza istituita per commemorare le vittime delle atrocità dell’Olocausto. Come ogni anno le università campane si fanno carico di mantenere vivo il ricordo di quei fatti al fine di evitare che atti tanto indegni si ripetano ancora.

La Federico II ospiterà alle ore 09.00 nell’Aula Coviello della facoltà di giurisprudenza, un incontro sul tema “La cavia umana. Gli esperimenti nei lager nazisti”. L’evento, promosso dal CIRB-centro interuniversitario di Ricerca Bioetica diretto dal preside delle facoltà di giurisprudenza della SUN Lorenzo Chieffi e dal Comitato Etico per le attività biomediche federiciano presieduto da Claudio Buccelli, intende rivolgersi a tutta la cittadinanza ma soprattutto ai giovani perché saranno la generazione alla guida del mondo futuro. Anche l’associazione “Oltre il chiostro” e il “Seminario Permanente Etica Bioetica Cittadinanza” della facoltà di sociologia hanno condiviso l’evento inoltre, il polo delle Scienze umane e sociali e le facoltà di giurisprudenza e di medicina federiciane, hanno concesso il patrocinio morale.

Il Preside Lucio De Giovanni introdurrà i lavori con la lettura di uno scritto di una giovane ebrea internata nel campo di sterminio di Birkenau, seguiranno vari interventi di esponenti delle Comunità Ebraiche italiane, alcuni filosofi ma anche medici e giuristi. L’appuntamento proseguirà alle ore 16.00 nella sede di ”Oltre il chiostro” (P.zza S.Maria la nova) dove con Giuseppe Reale si avvierà una discussione sul tema “Shoah e poesia: un dialogo mancato?”. Durante il pomeriggio saranno letti alcuni componimenti poetici e verrà proiettato un cortometraggio sulla vicenda di un gruppo di 20 bambini reclusi nel campo di concentramento di Neuengamme, di cui faceva parte Sergio de Simone, bambino napoletano di 7 anni.

Anche l’Università di Salerno celebrerà il memoriale alle ore 15.00 presso il Teatro d’Ateneo dove sarà proiettato il documentario di Giustina Laurenzi Una storia diversa. Ebrei a Campagna 1940-43” a cui seguirà un dibattito dove interverranno tra gli altri: il Rettore Raimondo Pasquino, il Preside della facoltà di lettere Luca Cerchiai, Miriam Rebhun e Marco Soria della Comunità ebraica di Napoli ed il promotore dell’iniziativa Parco della Memoria in Campania Edoardo Scotti, giornalista di Repubblica.

Inoltre, in onda sulla web radio dell’ateneo, dalle 12.00 alle 13.00 sarà trasmesso lo speciale “Olocausto: ricordare per costruire un futuro migliore”. Gli ospiti della puntata saranno: Alberto Sed, uno dei pochi sopravvissuti di Auschwitz, Mauro Vittorio Quattrina, regista del documentario ‘Il Sasso e il Grano – tre storie sul filo spinato’ , Antonio Falcone, figlio del deportato Carmine Falcone ed alcuni militari salernitani che hanno vissuto la tragica esperienza dei campi di concentramento.

L’evento sarà anche un’occasione per celebrare l’apposizione di 54 nuove Stolpersteine (pietre d’inciampo) apposte in cinque diversi municipi di Roma. Le pietre d’inciampo sono dei sampietrini ideati dall’artista Guenter Demnig e hanno il compito di ricordare lo sterminio nazista. Camminando per strada e passandoci sopra ognuno ricorderà perché sono li.

Sarà possibile partecipare alla diretta [email protected] inviando una mail a
[email protected] oppure telefonando allo 089 96 91 94.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Il Giorno della Memoria: mai più

Next Article

GGJ: in facoltà per gioco!

Related Posts