Olimpiadi Italiane di Astronomia, la finale 2017

Le Olimpiadi Italiane di Astronomia, con il pretesto della competizione, offrono agli studenti delle scuole italiane un’occasione di incontro con i ricercatori e di confronto con altri ragazzi, la possibilità di coltivare l’interesse e la passione per l’astronomia e uno scenario scientifico di ampio respiro, nell’assoluto rispetto delle loro qualità morali e cognitive.
La Finale Nazionale si svolgerà dal 4 al 6 Aprile 2017 presso il Liceo “G. Aselli” di Cremona.
Quest’anno sono stati 48 gli studenti che hanno partecipato al concorso.
La commissione, presieduta dalla Dirigente Scolastica Prof.ssa Laura Parazzi, era formata da due insegnanti del Liceo, la Prof.ssa Rachele Bertoli e il Prof. Giancarlo Agnoli e dalla dott.ssa Stefania Varano in rappresentanza del Comitato Organizzatore Nazionale delle Olimpiadi dell’Astronomia.
Singoli studenti particolarmente motivati a partecipare e che frequentano scuole che non aderiscono alle Olimpiadi di Astronomia nell’anno in corso, possono inoltrare richiesta di partecipazione indicando la scuola frequentata a [email protected]
Per ulteriori informazioni: [email protected]
Le Olimpiadi Italiane di Astronomia sono promosse dalla Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici e la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione-MIUR e organizzate dalla Società Astronomica Italiana e dall’Istituto Nazionale di Astrofisica nell’ambito del protocollo di intesa MIUR-SAIt e sotto l’egida del Comitato di Coordinamento delle Olimpiadi Internazionali di Astronomia (International Astronomy Olympiad of the Euro-Asian Astronomical Society). L’elenco degli studenti vincitori delle Olimpiadi Nazionali di Astronomia è inserito nell’Albo Nazionale delle Eccellenze!

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca in Antartide: firmato rinnovo decennale dell'accordo bilaterale Italia-Francia

Next Article

Tomino il padre di Gundam a Romics

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident