Oggi lo stop per le superiori. Primarie e secondarie decisione in base all’andamento dei contagi

Gli studenti delle superiori potrebbero non tornare a scuola in tutte le Regioni, mentre per gli altri ordini di scuola a fare da discriminante sarà l’indice di RT di diffusione del virus. Sono queste le ultime indiscrezioni emerse dopo ore ed ore di incontri a Palazzo Chigi nella domenica dei Santi. Una giornata intensa: prima il vertice tra Governo, Regioni ed enti locali alla presenza dei ministri della Salute Roberto Speranza e degli Affari regionali Francesco Boccia. Nel pomeriggio la riunione con i capidelegazione della maggioranza (Franceschini per il Pd, Bonafede per M5s, Bellanova di Italia Viva), con loro anche la ministra dell’Istruzione Azzolina per un incontro che nel pomeriggio è stato aperto anche ai capigruppo delle forze che reggono il governo.

Sul tavolo, tra le altre questioni, la scuola, sulla quale si è ripetuto il braccio di ferro del giorno precedente. Da una parte la ministra Lucia Azzolina pronta a tutto pur di tenere aperte le aule. Con lei “Italia Viva” che chiede di chiudere gli istituti solo se si passa ad un lockdown nazionale. E poi c’è il Partito Democratico che sembra diviso in due anche su questa partita. A irritare qualche autorevole rappresentate del Pd è stata l’ipotesi emersa sabato sera di includere anche la terza media tra coloro che passerebbero a fare lezioni da casa. Una proposta che non è piaciuta soprattutto a certi senatori e onorevoli della squadra di Zingaretti che lavorano da sempre sul tema dell’istruzione: “Interrompere un ciclo – spiega uno di loro che non vuol rilasciare dichiarazioni ufficiali fino a domani sera quando il Dpcm sarà firmato dal presidente del Consiglio – è assurdo”.

Un nodo, quello della didattica a distanza (dad) nell’ultima classe della scuola secondaria di primo grado, che resta ancora da sciogliere. Chi ha raccolto le voci di coloro che erano presenti a palazzo Chigi spiega che il criterio dell’introduzione della terza media è stato quello di ragionare su che età i ragazzi possono stare a casa da soli senza i genitori. Sul tavolo anche un altro argomento: se e quanto lasciare margine decisionale alle Regioni. La decisione sulla chiusura potrebbe essere nazionale per le superiori, a prescindere dall’ indice RT ma per gli altri ordini di scuola (infanzia compresa) il parametro di diffusione del virus diventerebbe decisivo: sopra una certa soglia (si ipotizza l’1,5%) scatterebbe la chiusura per tutti gli istituti. Tra le Regioni interessate la Lombardia, il Piemonte, la Campania, la Liguria, l’Umbria, la Puglia (o porzioni di questi territori). In bilico Sicilia e Calabria. Le zone rosse potranno essere istituite anche a livello di aree metropolitane, Torino e Milano sono quelle a maggior rischio chiusura.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Morto Gigi Proietti, proprio oggi i suoi 80 anni

Next Article

Ritorna Orientasud, il Salone delle opportunità in versione digitale

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident