Obama punta sulla ricerca: 3 miliardi di dollari per la mappatura del cervello

obama ricerca

Si tratta di un’iniziativa senza precedenti, dopo quella sul genoma intrapresa negli anni 90. Il progetto si chiamerà “Brain Activity Map Project” e verrà lanciato nel prossimo mese.

 Ci vorranno tre miliardi di dollari per portarlo a termine, dieci anni di lavoro e la collaborazione di agenzie pubbliche, istituti privati e di scienziati provenienti da tutto il mondo.

Lo Human Genome Project, volto al raggiungimento di una mappatura del Dna, aveva fruttato all’economia statunitense ben 140 dollari in più rispetto ad ogni dollaro investito.

Ora, secondo il New York Times, l’America potrebbe esser in procinto di destinare alla ricerca ben 3 miliardi di dollari in dieci anni. Il cervello, del resto, rimane ancora uno dei più grandi misteri dell’universo. La sua mappatura potrebbe consentire di curare malattie come l’Alzheimer e il Parkinson.

Nel frattempo, sorgono nuove iniziative: Renzo Piano sta costruendo un nuovo campus per la Columbia University che sarà affidato al premio Nobel Eric Kandel.

Si chiamerà “Mortimer B. Zuckerman Mind Brain Behavior Institute” e sarà una facoltà interamente dedicata allo studio del cervello a 360 gradi. Si effettueranno, cioè, ricerche sul comportamento degli esseri umani, sulla possibilità degli uomini di interagire con le macchine, nonché su tutti quegli aspetti legati alle scienze politiche, all’arte e alla matematica.

AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Studenti Universitari, arriva l'App "Libretto Universitario"

Next Article

Decreto schok all'Università Chieti-Pescara, il Tar dà ragione agli studenti

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.