Numero chiuso, gli studenti esultano: “Vittoria sui posti a Medicina e Chirurgia”

UNIVERSITA':A SAPIENZA PROTESTA CONTRO TEST E NUMERO CHIUSO

Ieri sera il MIUR ha pubblicato gli ultimi bandi di definizione dei posti disponibili per le immatricolazioni ai corsi di laurea a numero chiuso. Rientrano i tagli a tutte le facoltà ma parzialmente e con forti disparità tra facoltà. Rimane un taglio del 13% per architettura e a medicina e chirurgia sono 174 i posti rimasti comunque esclusi dal conteggio.

“Le mobilitazioni di migliaia di studentesse medi ed universitari studenti svoltesi il 7 marzo in tutta Italia hanno prodotto una grande vittoria contro il sistema del numero chiuso – dichiara Federico del Giudice, portavoce della Rete della Conoscenza. Avevamo denunciato con presidi, blitz e striscioni in tutta Italia l’illogicità del decreto n.85 su un meccanismo già di per se ingiusto come i test d’accesso. Ad oggi però i tagli permangono, specie su architettura, e il MIUR non ha messo mano alle date dei test. Continueremo a mobilitarci fino ad Aprile e oltre per rivendicare lo slittamento dei test e la cancellazione totale dello sbarramento all’accesso dell’università”.

“Il reintegro dei posti a medicina è un atto positivo ma parziale – continua Alberto Campailla, portavoce di Link Coordinamento Universitario – Il nostro Paese ha bisogno di più medici rispetto a quelli previsti dai diversi ministri in questi anni: anche riportando il numero di posti disponibili a 10.000 rimane una carenza strutturale che mette a rischio il diritto alla salute di tutte e tutti. Il taglio del 13% ad architettura è inoltre grave e ingiustificato. In questi giorni stiamo continuando a protestare contro il numero programmato a livello locale a Torino e in altre città, continueremo a farlo anche a livello nazionale perchè è impossibile decidere arbitrariamente quanti studenti meritano di accedere all’università e quanti no. Tutti meritiamo di scegliere, studiare, emanciparci.

“I test ad Aprile inoltre erano e rimangono una beffa – conclude Roberto Campanelli. E’ imposibile conciliare la preparazione dei test con quella della maturità, specie quando i test contengono parti di programma non ancora affrontati ad Aprile. Chiediamo chiarimenti e spiegazioni ma soprattutto il posticipo immediato dei test e la ridiscussione totale del sistema del numero chiuso, che di anno in anno dimostra la sua inefficacia e ingiustizia”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

"Torno Subito": il programma che finanzia progetti di mobilità studentesca

Next Article

Quando l'Università va in carcere: le storie di chi si rialza

Related Posts
Leggi di più

Si laureano prima ma guadagnano di meno rispetto agli uomini: la vita in salita delle donne dopo la fine dell’università

Presentato a Bologna il "Rapporto tematico di genere” realizzato dal Consorzio interuniversitario AlmaLaurea. Le donne rappresentano il 60% dei laureati italiani, finiscono in corso il ciclo di studi ma guadagnano anche il 20% in meno rispetto ai colleghi maschi. La ministra Messa: "Stop alle discriminazioni. Incentivi a quelle aziende che portano avanti politiche di uguaglianza di genere".
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".