Numero chiuso anche per accedere a Psicologia: la proposta che fa discutere

numero chiuso

La proposta: introdurre il numero chiuso a Psicologia – Troppi laureati a fronte di poca richiesta da parte del mercato, una soluzione potrebbe essere quella di limitare l’accesso alla Facoltà di Psicologia. Questa la proposta che Roberto Calvani, neoeletto presidente dell’Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia, farà in sede di Consiglio nazionale degli Psicologi.

“A fronte di un fabbisogno nazionale di 500 psicologi, ci sono 15 mila laureati all’anno – afferma Calvani – si pensi che nel solo Friuli Venezia Giulia degli oltre 1800 iscritti all’Ordine circa la metà riesce a esercitare la professione, quindi serve in primis regolare l’accesso agli studi accademici e curare la formazione post laurea per garantire la qualità dei professionisti. Su questo aspetto si deve lavorare da subito a tutti i livelli”.

Una proposta che, per quanto improntata su considerazioni di buon senso, non mancherà di far discutere: numerose, infatti, le associazioni studentesche che chiedono l’abolizione del numero chiuso all’Università ritenuto discriminatorio e non meritocratico.

Nato a Motta di Livenza (Treviso) nel 1957, dirigente psicologo presso l’Ass 4 Medio Friuli, Calvani è stato nominato presidente dell’Ordine friulano per il quadriennio 2014-2017 nella riunione del Consiglio dell’Ordine tenutasi a Trieste, durante la quale sono state rinnovate anche le altre cariche consiliari. Tra i fondatori del’Ordine regionale nel 1992, ne è stato il vicepresidente dal 2005 al 2008.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Premio tesi di laurea: 3.000 euro al miglior elaborato

Next Article

Il Divino Otelma prende la seconda laurea: "Un lavoro eccellente"

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".