Novità dall’Adisun

Importanti novità per gli studenti della Seconda Università di Napoli che usufruiscono del servizio mensa.
Dal mese di febbraio, per andare incontro alle esigenze degli studenti che provengono da tutta la regione, l’ Adisu della Sun ha infatti deciso che il ticket, se dovuto, sarà pagato dallo studente direttamente al ristoratore.
Non occorrerà più quindi recarsi alla sede dell’Azienda per il diritto allo Studio a S. Nicola La Strada, se non per il ritiro della smart card. La carta verrà rilasciata dietro consegna a mano della domanda completa di documentazione così come pubblicata sul sito www.adisun.it e disponibile presso gli uffici dell’Azienda.
L’Adisu inoltre informa che i ticket pagati dagli studenti per i pasti non consumati al 20/12/2008 potranno essere rimborsati alla consegna della smart card in loro possesso.
Per altre informazioni relative al servizio ristorazione, inviare una mail all’indirizzo:
[email protected].

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Sannio: collaborazioni internazionali

Next Article

28 febbraio: Napoli-spazio scenico

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".