Notte Bianca all’Università Parthenope

locandina notte bianca

 Venerdì 17 maggio, ore 20,00 alla sede di via Acton dell’Università Parthenope è “Notte Bianca” per la ricostruzione di Città della Scienza. L’Azienda per il Diritto allo Studio Universitario della “Parthenope” si dimostra sensibile alla vicenda che lo scorso 4 marzo 2013 ha visto Città della Scienza in fiamme e con essa pezzo della storia napoletana cancellato con un colpo di spugna.

L’adisu parthenope ha approvato e finanziato la realizzazione di questo evento, promosso da un gruppo di studenti dell’Università stessa ed esteso a coloro i quali sentono di voler dare un proprio contributo alla causa. “L’Azienda che si fa garante del diritto dei giovani ad avere un’adeguata formazione professionale ha il dovere di tendere una mano per la ricostruzione di uno dei simboli del sapere scientifico italiano – afferma Maurizio Zuccaro, presidente dell’Adisu Parthenope – la conoscenza è un diritto; uno Stato che semina cultura, raccoglie cultura, l’arma più potente per sconfiggere la criminalità organizzata ed l’illegalità in genere”.

La quarta edizione della Notte Bianca in Ateneo, non è solo un’occasione di divertimento ma un’opportunità per conoscersi e condividere attraverso un momento ludico l’obiettivo comune dello sviluppo del nostra realtà territoriale.
L’incasso sarà devoluto per la ricostruzione di Città della Scienza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Video: il cerbiatto che vuole andare a scuola

Next Article

Sei video contro l'omofobia realizzati nelle scuole laziali

Related Posts
Leggi di più

Sfide estreme per registrare i video su TikTok: due ragazzi ricoverati in ospedale in gravi condizioni

Due giovani di 14 e 17 anni sono finiti in ospedale dopo aver cercato di portare a termine dei "TikTok Challenge". Il primo ha provato ad incendiare il tavolo di casa ma è rimasto ustionato, l'altro è salito sul vagone di un treno ma è rimasto folgorato da un cavo dell'alta tensione. Il social network si difende: "Rimuoveremo i contenuti che violano la nostra policy".