Non solo il naso sente gli odori

Schermata 2013-04-09 a 13.21.14

Non e’ solo una questione di naso. Anche il corpo sarebbe in grado di sentire gli odori. Cellule presenti nel cuore, nei polmoni nel sangue e in altri organi possiedono gli stessi recettori dell’olfatto. La scoperta e’ frutto del lavoro di un’equipe di ricercatori tedeschi dell’universita’ tecnica di Monaco, guidata da Peter Schieberle.

Lo studio e’ stato presentato all’incontro annuale dell’American Chemical Society che si e’ tenuto a New Orleans e secondo gli studiosi, portera’ a rivedere il ruolo degli odori nell’uomo. I recettori si trovano in particolari cellule, quelle fino ad oggi conosciute sono presenti sull’epitelio olfattivo situato nella cavita’ nasale. Rappresentano una sorta di porta ingresso per i composti chimici volatili che veicolano un odore. Questi composti si connettono coi i recettori e avviano una serie di reazioni biochimiche che il cervello associa ai diversi odori.

Con la scoperta dei recettori ‘disseminati’ sara’ necessario studiare piu’ a fondo il meccanismo e capire come l’organismo reagisce agli odori ‘catturati’, ad esempio, dal sangue.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

#mobilitànuova: pendolari in protesta su Twitter

Next Article

Rissa tra studentesse: botte all'uscita da scuola

Related Posts
Leggi di più

Un fondo per le iniziative degli atenei sulla legalità: “I giovani non sanno chi erano Falcone e Borsellino”

Presentato al Senato il fondo di 1 milione di euro a disposizione delle università italiane per diffondere le cultura delle legalità con seminari ed incontri. La ministra Maria Cristina Messa: "In questo modo rendiamo organiche iniziative che fino ad oggi erano state solo sporadiche e lasciate alla volontà di ogni singolo ateneo".
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.