Non pubblicano gli appelli online. La denuncia degli studenti

corriereuniv

Comportamenti scorretti e problemi disorganizzativi. E’ quanto denuncia uno studente dell’Università Parthenope di Napoli che frequenta la facoltà di ingegneria civile e ambientale. Una denuncia a più voci a quanto pare levata da un gruppo di colleghi che però hanno timore, in sede d’esame, delle possibili ripercussioni.

“Presso la mia università – racconta lo studente – c’è un docente che non rispetta il regolamento didattico che prevede di pubblicare le date online (la prenotazione degli esami viene fatta obbligatoriamente sempre online). Evade la procedura fissando gli appelli agli studenti su richiesta: non pubblicizza le date che fissa oralmente (con prenotazione orale) ed è irreperibile sia al telefono che via mail. Gli studenti, quindi, devono recarsi di persona al suo studio per vedere se lo trovano, perché non ha un orario di ricevimento noto e anche se lo fosse non è una garanzia di trovarlo.

Vi lascio immaginare un pendolare che deve concordare la data e si reca fino a Napoli invano. Una volta fissata la data, deve sperare che il docente non dia un bidone (cosa che succede!)”.

In merito alla questione sollevata perfino un rappresentante degli studenti avrebbe risposto che il docente fa un piacere se concede di fare l’esame.

“Questo è il problema maggiore, ma non l’unico – continua la denuncia – altri docenti assumono comportamenti scorretti: ce ne sono due che pubblicano le date su richiesta, ma lo studente che chiede di fissare una data deve fare un sondaggio online per sapere quanti colleghi vogliono sostenere l’esame in quella stessa data.
Non sarebbe meglio se pubblicassero direttamente le date e aspettassero le prenotazioni?

In generale, presso la mia facoltà si verificano anche problemi organizzativi vari: a volte capita che un docente non pubblichi una data durante le sessioni e gli studenti devono recarsi allo studio a chiedere delucidazioni (con rischio di indisporre il professore, che non si è preso il disturbo di pubblicare la data o un avviso online), in ultimo una professoressa si è assentata per qualche mese a causa di problemi di salute, ma nessuno si è preoccupato preventivamente di trovare qualcuno che la sostituisse, mettendo così gli studenti in difficoltà per il sostenimento dell’esame. Ci è stato detto che potevamo concordare la data dal docente che svolge tutto oralmente, ma aggiungendo: “vedete bene se vi conviene di farlo con una commissione” questa a noi è parsa una minaccia”.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Spaccio nelle scuole, smantellata rete di trafficanti. Una studentessa pusher della banda

Next Article

Inail mette a disposizione 15 borse di studio

Related Posts
Leggi di più

Ricerca, online il bando del Ministero per finanziare i progetti di interesse nazionale. Messa: “Pronti 749 milioni di euro”

E' online il bando, finanziato in parte con le risorse del PNRR, che stanzia quasi 750 milioni di euro per lo sviluppo della ricerca italiana. Dei 749 milioni, circa 223 milioni - il 30% del totale - sono destinati a progetti presentati da professori o ricercatori con meno di 40 anni. Il ministro Messa: "Vogliamo incentivare i giovani a sviluppare ambiziosi progetti di ricerca di base".
Leggi di più

Percorsi di studio “transnazionali” e un’unica carta dei diritti per gli studenti: ecco l’università “europea” immaginata dalla ministra Messa

Dopo 23 anni dalla Dichiarazione di Bologna, i ministri europei dell'Università si sono ritrovati a Parigi per ridisegnare il futuro dell'istruzione accademica. La ministra Maria Cristina Messa: "Obiettivo è creare un'offerta transnazionale, internazionalizzando i percorsi di studio e disponendo una carta europea dello studente".