NON E’ MAI TROPPO TARDI – Il record di Anna: laurea a 86 anni alla Federico II di Napoli

laurea a 86 anni

Non è mai troppo tardi – Anna Valanzuolo, 86 anni e una laurea in lettere all’Università Federico II di Napoli. Un caso raro di tenacia e determinazione, un esempio di vitalità e orgoglio.

C’è una sala piena di mattina all’Università. Molti studenti attendono con un sorriso quella che è la laurea di una cara collega, che praticamente non ha mai saltato una lezione. Eccola Anna, già pronta di primo mattino nel suo vestito bianco, che stringe fieramente la sua tesi sull’ultimo canto del Paradiso della Divina Commedia di Dante. Sotto la guida del Pofessor Andrea Mazzucchi è riuscita in quello che sessant’anni fa non le era stato possibile.Sì, perchè Anna a vent’anni si era iscritta all’Università, scegliendo Giurisprudenza. Poi il cambio a Lettere: “Quegli studi non facevano per me. I miei veri interessi erano per la letteratura”.

Il caso, però, volle che Anna cominciasse a insegnare subito nelle scuole elementari. Si sposò, ebbe due figli. E il sogno di laurearsi rimase chiuso nel cassetto. La vita, però, le ha dato una seconda opportunità. Qualche anno fa, dopo la morte del marito e con i figli oramai sistemati, Anna ha ritrovato nuovamente tempo da dedicare a se stessa e alle sue passioni. Anche quel sogno si è fatto nuovamente vivo. E così si è iscritta nuovamente all’Università, stesso corso, stesso posto, sessant’anni dopo.

Anna, 86 anni, 110 e lode e una laurea in Lettere alla Federico II, la sua scommessa l’ha vinta.

Raffaele Nappi

*Foto di Riccardo Siano per Repubblica

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Roma, gli studenti con uno striscione: "Il Socrate resiste"

Next Article

Viterbo: studentessa si getta dal viadotto. La causa forse un esame andato male

Related Posts
Leggi di più

Maturità senza mascherine? Si apre uno spiraglio: “Con pochi contagi a giugno si possono eliminare”

Continua il dibattito sull'eliminazione delle mascherine a scuola. L'Italia è l'unico Paese in Europa che ha mantenuto l'obbligo di indossarle in classe per gli studenti ma cresce il pressing per eliminarle almeno durante gli esami di maturità e quelli della scuola media. Gli esperti: "Se il tasso di positività si abbasserà dall'attuale 13% al 10% ai primi di giugno allora potremo ragionare sull'eliminazione"