Viterbo: studentessa si getta dal viadotto. La causa forse un esame andato male

WCENTER 0VITAGCDVZ -

Una ragazza di 22 si è gettata da un viadotto tra Vignanello e Canepina, nel Viterbese. Dopo un volo di circa 40 metri è stata ritrovata ancora in vita. Il fatto è accaduto poco dopo le 12 di ieri. Sul posto si sono recati vigili del fuoco e il 118, ma per recuperare la ragazza i soccorritori hanno dovuto farsi largo tra cespugli e alberi, gli stessi che hanno attutito la sua caduta a terra. Una volta recuperata è stata trasferita con l’eliambulanza Pegaso del 118 – con un codice rosso – al policlinico Gemelli di Roma.

La 22enne, studentessa universitaria in un ateneo romano, abita a Soriano nel Cimino. Secondole prime ricostruzioni sembra che a dettare il gesto sconsiderato sia stato proprio un esame tenuto il giorno precedente, non superato. Un automobilista che ha assistito alla scena ha dato immediatamente l’allarme. La ragazza sarebbe arrivata in auto nei pressi del viadotto, per poi scendere e abbandonare il mezzo nei pressi di una rotatoria. Dopo aver percorso alcuni metri a piedi, ha scavalcato il basso parapetto e si è lasciata cadere nel vuoto.

Miracolosamente i vigili del fuoco e il 118 hanno trovato la ragazza viva e cosciente, dopo un volo di circa 40 metri. Il viadotto raggiunge un’altezza massima di 70 metri, ma la vegetazione che si trovava al di sotto ha attutito fortemente la caduta della 22enne.

Dopo il soccorso la ragazza è stata caricata sull’eliambulanza del 118, che l’ha subito trasportata al policlinico Gemelli di Roma. Nella caduta la giovane ha infatti riportato diverse fratture agli arti e alle costole.

RN

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

NON E' MAI TROPPO TARDI - Il record di Anna: laurea a 86 anni alla Federico II di Napoli

Next Article

La Sapienza nelle top 100 delle classifiche internazionali

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.