La Sapienza nelle top 100 delle classifiche internazionali

la sapienza nelle top 100

 

La Sapienza nelle top 100

La classifica internazionale elaborata dal Center for World University Rankings nel 2013 colloca Sapienza al 62° posto, registrando un balzo di ben 15 posizioni rispetto al risultato del 2012 che vedeva l’ateneo romano al 77° posto. Sapienza compare nella graduatoria prima di molte università statunitensi, e davanti al King’s College di Londra e ai prestigiosi atenei tedeschi di Monaco e Heidelberg.

In entrambi gli anni di vita della classifica, Sapienza è l’unica università italiana a comparire tra le prime 100, e cioè tra l’1,5 % delle migliori sul panorama internazionale. I punti di forza Sapienza, evidenziati dal dettaglio della classifica pubblicata agli inizi di luglio, sono la qualità dei docenti presenti e passati (misurati sulla base dei premi internazionali ricevuti) e il livello delle pubblicazioni.

I parametri considerati da CWUR privilegiano un approccio quantitativo e sono più stringenti rispetto ad altre classifiche internazionali: ad esempio nell’elaborazione della qualità dell’insegnamento nelle facoltà, la valutazione del corpo docente considera solo i docenti full-time e i riconoscimenti loro accreditati (ma non limitati come in altri casi avviene ai soli Nobel e Fields, comprendono molte voci) devono essere ottenuti nel corso della loro attività presso le istituzioni considerate: non dunque personalità eccellenti o ex premi di Nobel a contratto presso università prestigiose. Per quanto riguarda il tema della ricerca sono considerate le pubblicazioni nei settori delle scienze, delle scienze sociali e umanistiche, secondo l’Article International Score (AIS), citazioni e brevetti. Per quanto riguarda gli alumni, sono valutate nel punteggio le eventuali posizioni ricoperte come CEO delle prime 2000 compagnie top a livello internazionale, come pure gli eventuali riconoscimenti e awards conseguiti.

La classifica, come pure i criteri e gli algoritmi considerati, sono disponibili sul sito https://cwur.org/ .

Focus QS World university rankings

Buona prova della Sapienza anche nella QS World university rankings by subject, la speciale classifica dell’agenzia di ranking universitari QS che ogni anno mette a confronto le migliori università di tutto il mondo sulla base della qualità delle singole discipline.

I risultati dell’edizione 2013, pubblicati lo scorso 8 maggio, sono il frutto della comparazione tra 2.858 atenei, di cui solo 678 sono riusciti a posizionarsi tra i primi 200 in almeno un settore. Sulle 30 aree disciplinari prese in considerazione, la Sapienza è presente con 22 materie nella Top 200. In particolare nella disciplina Fisica e astronomia la Sapienza si colloca al 46° posto, seconda in Italia solo all’Università di Pisa che ottiene la 42° posizione; per altre dieci discipline – Storia, Informatica, Ingegneria civile, Ingegneria elettrica, Ingegneria meccanica, Farmacia, Matematica, Comunicazione, Giurisprudenza e Statistica – la Sapienza risulta fra le prime 100 università al mondo.

Nel nostro Paese sono state prese in esame 62 università, tra le quali 37 si sono distinte per almeno una materia e solo 20 sono entrate nella Top 200. Rispetto alle università italiane, la Sapienza risulta la migliore negli insegnamenti di Statistica, Biologia e Geografia; mentre è al secondo posto per Storia, Lingue moderne, Filosofia, Informatica, Chimica, Matematica, Comunicazione e Giurisprudenza.

Dall’analisi emergono anche significativi miglioramenti in Medicina, Economia e Scienze ambientali.

 

Consulta il PDF della classifica! ATENEI STATALI 2012-2013

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Viterbo: studentessa si getta dal viadotto. La causa forse un esame andato male

Next Article

Tirocinio con General Motors

Related Posts
Leggi di più

Intervista alla senatrice Elena Cattaneo: “Denunciare ogni condotta che tradisce l’etica e la dignità accademica”

"Mi rendo conto che può non essere facile, ma finché non scatterà in ognuno di noi la molla per contribuire al cambiamento, ne usciremo tutti sconfitti, compreso chi penserà di averla fatta franca, di aver vinto", afferma la senatrice e prof.ssa ordinaria di Farmacologia all'Università degli Studi di Milano, che racconta un suo episodio personale