NoiNo.org: il progetto contro la violenza di genere dedicato a studenti e studentesse

Si avvicina la data del 25 novembre, Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. NoiNo.org, un progetto della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna, che ha l’obiettivo di contrastare la violenza di genere cercando di cambiare i modelli maschili e sensibilizzando i più giovani attraverso percorsi educativi rivolti alle scuole superiori, corsi di formazione per insegnanti ed eventi pubblici aperti a tutti.

Per l’anno scolastico 2021/2022 il progetto proporrà laboratori per studenti e studentesse e corsi per docenti in sette scuole,sei di Bologna, l’I.I.S. “Serpieri”; Liceo Scientifico “E. Fermi”; Liceo Ginnasio “L. Galvani”; I.P. “Aldrovandi-Rubbiani”; Centro Anni Verdi (C.A.V.) Pilastro; IIS “Aldini-Valeriani” e una di Imola, il Liceo “Rambaldi Valeriani Alessandro.

Lo spettacolo Brucio d’amore mostra scene di iniquità nelle relazioni intime, da micro violenze quotidiane come le prepotenti interruzioni maschili al parlare femminile, fino a violenze più strutturali come lo stalking, la violenza online o la gelosia ossessiva. L’attrice Claudia Signorelli e l’attore Olivier Malcor di ParticipArte ricostruiscono attraverso alcuni sketch le tappe che portano alla violenza. Suggeriscono possibili soluzioni per aiutare chi si trova a vivere una relazione pericolosa, fornendo strumenti per riconoscere situazioni di violenza, anche implicita, e intervenire in modo adeguato o addirittura prevenirle. Studenti e studentesse saranno inoltre stimolati ad allenarsi collettivamente nella costruzione di relazioni basate sul consenso e sul rispetto. 

Informazioni su: www.noino.org 

Total
1
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Inaugurazione dell’anno accademico alla Sapienza. Polimeni: "Nostra responsabilità è immunizzare dalle frettolose verità da internauti contro la scienza"

Next Article

Olimpiadi di Filosofia, al via la competizione

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident