No all’hijab a scuola. Genitori si appellano alla Corte

hijab

Si sono appellati alla Corte Suprema, i genitori delle studentesse musulmane che non sono autorizzate a indossare l’hijab, il velo tradizionale musulmano che copre solo i capelli, a scuola.
Le autorità di Stavropol, nella Russia sud-occidentale, avevano imposto a tutti gli studenti di indossare le uniformi.
Il no, però, aveva riguardato tutti gli indumenti aventi connotazioni religiose.
Del resto, Putin stesso aveva tenuto a precisare, lo scorso anno, che l’hijab non appartiene alla cultura nazionale.
In Siberia, a Krasnoyarsk, una studentessa daghestana era stata espulsa da scuola medica della città per aver indossato un foulard sui capelli.
I procuratori locali, però, avevano ordinato all’università di reintegrare la studentessa.
AZ

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Lavoro per addetto alla comunicazione a Bruxelles

Next Article

Studenti dietro le maschere da maiale per denunciare il sovraffollamento dei treni

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident