No ai quiz Invalsi. La protesta davanti al Ministero

L’Unione degli studenti lo aveva già annunciato: i test Invalsi in un centinaio di scuole non saranno distribuiti.

L’Unione degli studenti lo aveva già annunciato: i test Invalsi in un centinaio di scuole non saranno distribuiti. Alcuni studenti ed insegnanti stanno scioperando nelle aule e davanti al Miur «per opporsi categoricamente al modello di scuola e di valutazione che ci vogliono imporre che non tiene conto delle conoscenze critiche degli studenti e non valorizza i percorsi di studio nelle classi».

Le rilevazioni Invalsi, per molti docenti, non misurerebbero i livelli d’apprendimento degli studenti e neppure il valore delle scuole, e a ricordarlo è un grosso striscione, sulle scale del ministero dell’Istruzione, che oggi invita studenti e insegnanti a fare uno sciopero bianco e a non distribuire i quiz nei licei.

«Una mobilitazione importante – ha spiegato il coordinatore nazione dei giovani comunisti Simone Oggionni – che sta interessando 40 città e decine di migliaia di studenti e che il ministero non può ignorare».

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Ricerca, le madri degli omosessuali sono più fertili

Next Article

Cina: divorzi per iscrivere i figli a scuola

Related Posts
Leggi di più

Legge sul reclutamento dei docenti: la formazione porterà nelle tasche dei prof più di 6mila euro

Ok al decreto sul Pnrr 2 che individua le nuove regole sul nuovo sistema di formazione per la classe docente: i tecnici del Senato hanno ipotizzato che chi porterà a termine il percorso di aggiornamento avrà un aumento una tantum di circa 6100 euro lordi. Intanto domani nuovo incontro sul rinnovo del contratto collettivo: si va verso un riconoscimento in busta paga di 50 euro netti per tutti.