Niente Imu per le scuole paritarie

Pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il regolamento del Tesoro. Le scuole paritarie sono esentate dal tributo se l’attività didattica è gratuita o svolta dietro pagamento di una retta simbolica. Stesso criterio per attività assistenziali, sanitarie o alberghiere.

Nel regolamento del ministero dell’Economia pubblicato in Gazzetta ufficiale, si legge che le scuole paritarie non pagano l’Imu se l’attività è svolta a titolo gratuito o se il “corrispettivo simbolico è tale da coprire solo una frazione del costo del servizio, tenuto conto dell’assenza di relazione con lo stesso”. La definizione utilizzata nel Regolamento messo a punto dal Tesoro sull’Imu tutela anche il mondo del no profit.


Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Primarie centrosinistra, boom di votanti. Renzi in recupero?

Next Article

Bersani primo ma Renzi espugna le "regioni rosse" e ora punta ai delusi del centrodestra

Related Posts
Leggi di più

Seggi elettorali, Cittadinanzattiva: “L’88% ancora nelle aule. E la maggior parte dei comuni non vuole spostarli”. L’appello

Le amministrazioni che hanno deciso di continuare a votare nelle scuole lo fanno per diversi motivi. In primis, la mancanza di luoghi pubblici o privati aventi le caratteristiche richieste. Cioè: senza barriere architettoniche, con servizi igienici e spazi per alloggiare le forze dell'ordine e in prossimità dell’elettorato resident