Nessuna maggioranza al Senato. L’Italia così è ingovernabile

Il Pd ha la maggioranza alla Camera, mentre crolla al Senato. Grillo dopo il boom di voti esclude la possibilità di eventuali “inciuci”. Mentre il leader del Pdl apre alla grande coalizione: “Ora dobbiamo fare dei sacrifici”

Schermata 2013-02-26 a 11.31.32

Il risveglio per gli italiani non poteva essere più traumatico. La maggioranza del centrosinistra alla Camera stride con un Senato abbastanza frammentato: 120 senatori per il centrosinistra, 117 per il centrodestra, 54 eletti per il Movimento 5 Stelle, mentre Monti si ferma a 18. Quello che si preannuncia è un’Italia ingovernabile.

Le borse. La prima reazione arriva dalle borse. L’affidabilità del debito italiano è la preoccupazione dei mercati. Wall Street e Tokyo hanno risposto all’incertezza con ribassi rispettivamente dell’1,5 e del 2,6%.

L’apertura di Vendola. Missione compiuta per il leader di Sel. “Ora tocca al Centrosinistra l’onere di costruire una maggioranza anche al Senato per dare una risposta al Paese”. Vendola esclude la possibilità di un “governassimo” ma apre al confronto con Grillo “per rispondere all’esigenza di cambiamento”.

Il commento di Berlusconi. “Un dato abbastanza scontato sul quale però si deve riflettere”. Commenta così i risultati definitivi di Camera e Senato Silvio Berlusconi al telefono con Maurizio Belpietro. “Ora serve grande responsabilità perché non è pensabile un ritorno al voto”.

La stampa estera. Il “peggior risultato possibile”, così il Wall Street Journal apostrofa i risultati di questa mattina. E parla di una “vittoria del populismo e delle false promesse”.

 

 

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Employability 2.0: opportunità per 100 ragazzi italiani

Next Article

Grillo: “Riconsegnare il Paese in mano a Berlusconi? Un crimine contro la galassia”

Related Posts
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.
Leggi di più

Studentessa muore a pochi esami dalla laurea: l’università la proclamerà lo stesso “dottoressa”

Irene Montuccoli avrebbe compiuto oggi 22 anni. E' morta nei giorni scorsi in seguito a dei forti mal di testa. Sul suo decesso la Procura di Reggio Emilia ha aperto un fascicolo perché la ragazza, che era andata più volte al Pronto soccorso, era sempre stata dimessa. Irene era appassionata di motori e stava per laurearsi in Ingegneria del veicolo. L'ateneo di Modena e Reggio Emilia ha avviato l'iter per la laurea alla memoria.