Neolaureati nelle risorse umane per ABB

La ABB chiama talenti nelle sue sedi italiane e svizzere. Il gruppo che opera nel settore delle tecnologie per l’energia e l’automazione, presente in più di 100 paesi del mondo, come ogni anno, sta organizzando il programma “Global trainee for human resources and sustainability”.

L’iniziativa prevede l’inserimento nel gruppo di giovani neolaureati che andranno a svolgere la propria attività nel settore delle risorse umane. L’inizio del programma è previsto per il prossimo 1 ottobre e avrà una durata complessiva di 18 mesi. Dei quali 6 in Italia, altri 6 nella sede svizzera di Zurigo e i restanti a scelta tra le diverse destinazioni estere.

La ricerca è rivolta a laureati in discipline umanistiche ed economiche, con una minima esperienza nel settore, che parlino molto bene l’inglese e ovviamente che siano disponibili agli spostamenti. Per candidarsi, entro il 29 maggio 2009, è necessario collegarsi al sito web www.abb.it: nella sezione “carriere” troverete l’application-form per l’invio dei dati personali.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Funzionari commerciali per Mail Boxes Etc.

Next Article

A Salerno il Festival delle radio Universitarie

Related Posts
Leggi di più

Giovani italiani divisi tra Neet e piccoli imprenditori: in entrambi i campi abbiamo il record europeo

Rilevazione di Confartigianato sulla situazione lavorativa dei giovani nel nostro Paese. Ci sono 123.321 imprese artigiane con a capo un under 35 ma il rovescio della medaglia è rappresentato dal 23% dei ragazzi tra i 15 e i 29 anni che non studia e non lavora. In Campania e in Calabria sono 1 su 3. "Le aziende fanno fatica a trovare lavoratori con competenze digitali e green".
Leggi di più

Alternanza scuola-lavoro, in Puglia boom di infortuni per gli studenti: 4500 in un anno

Fanno ancora discutere i numeri dei progetti PTCO che dovrebbero garantire percorsi di formazione all'interno delle aziende per i ragazzi che frequentano gli ultimi anni delle scuole superiori. In Puglia le denunce di infortuni che hanno riguardato studenti nel 2019 sono state 4500, il 4,5% del totale nazionale. Intanto domani il presidente Mattarella incontrerà i genitori di Lorenzo Parelli, lo studente morto durante il suo ultimo giorno di stage.