Neanderthal romani, gli uomini più antichi d’Europa

Secondo il recente studio “The Aggradational Successions of the Aniene River Valley in Rome: Age Constraints to Early Neanderthal Presence in Europe”, ralizzato da ricercatori dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, in collaborazione con i paleontologi e i paleoetnologi dell’Università di Roma La Sapienza, Tor Vergata e Roma, pubblicato su Plos One,«I resti della Valle dell’Aniene costituiscono la più antica evidenza diretta della presenza dell’uomo di Neanderthal sul continente europeo, aprendo nuovi scenari sulle possibili tappe dell’evoluzione dell’uomo e sui flussi migratori attraverso il vecchio Continente».
E’ stato scoperto che i due crani di Homo neanderthalensis, rinvenuti all’inizio degli anni ’30 a Roma, nel sito di Saccopastore, hanno 250mila anni. I reperti venuti alla luce erano stati considerati di transizione tra Homo neanderthalensis e il suo antecessore Homo heidelbergensis. La scoperta è importante se si considera che la stessa età di 295mila anni è stata ipotizzata dai paletnologi inglesi per gli strumenti in selce attribuiti alle prime presenze dell’Uomo di Neanderthal in Europa.
I resti della Valle dell’Aniene, quindi, costituiscono la più antica evidenza diretta della presenza dell’Uomo di Neanderthal sul continente europeo, aprendo nuovi scenari sulle possibili tappe dell’evoluzione dell’uomo in Europa e sui flussi migratori attraverso il vecchio Continente.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

La rassegna stampa di martedì 7 marzo

Next Article

Niente più gesso, il braccio si ripara con la stampante

Related Posts
Leggi di più

Gran Bretagna, niente visto speciale per i nostri laureati: le università italiane considerate “troppo scarse”

Il governo britannico mette a disposizione una "green card" per attrarre giovani talenti e aggirare così le stringenti regole imposte dalla Brexit. Potranno partecipare però solo chi si è laureato in una "università eccellente" in giro per il mondo. Dall'elenco però sono state esclusi tutti gli atenei italiani considerati quindi non all'altezza in basse ai risultati nelle più prestigiose classifiche mondiali.