Napolitano promette in dialetto di aiutare i giovani

Scambio di battute in vernacolo tra una donna del popolo di Napoli e il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Le poche parole in dialetto sono state pronunciate dal capo dello Stato rispondendo a una domanda sul futuro soprattutto dei giovani. Uscendo dal complesso dei Girolamini, schivando il folto numero di giornalisti e fotocineoperatori che lo attendevano, il presidente Napolitano ha invece scambiato alcune battute con una donna che gli si è avvicinata alla sua auto.

Presidente, cercate di fare qualcosa di buono, soprattutto per i giovani. Gli ha detto in dialetto. A questo il capo dello Stato ha risposto: “Chest cercamm’e fa… (questo cerchiamo di fare, ndr). Il presidente della Repubblica, dopo aver visitato la biblioteca e il complesso dei Girolamini, ha poi lasciato via Duomo a bordo di un’auto non istituzionale accompagnato da una scorta con vetture senza lampeggianti.

Napolitano era appena uscito dalla lunga visita al complesso dei Girolamini, nella quale era accompagnato dal sovrintendente Fabrizio Vona, dal curatore giudiziario della biblioteca, Ugo Bile, e dal direttore della Biblioteca nazionale, Mauro Giancastro, oltre che dal procuratore aggiunto Giovanni Melillo, che ha coordinato le indagini che hanno portato alla scoperta della sottrazione di preziosi volumi antichi del patrimonio dei Girolamini, dalla qual e’ scaturito un processo che inizia domani a carico dell’ex curatore, Marino Massimo De Caro.

Il Presidente della Repubblica era appena salito in auto per fare ritorno a Villa Rosebery, quando la donna si e’ staccata dal gruppo di napoletani e turisti che attendevano l’uscita del Capo dello Stato per salutarlo ed ha detto ad alta voce: “Preside’, fate qualcosa ‘e bbuono per i ragazzi di Napoli”. Napolitano ha abbassato il finestrino della vettura e le ha risposto familiarmente, in dialetto.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dopo le feste, almeno due chili in più da smaltire

Next Article

Dall'università di Cagliari arriva il pecorino anticolesterolo

Related Posts
Leggi di più

Sesso con uno studente disabile: a processo una professoressa di sostegno

Si tratta di una docente di un istituto superiore in provincia di Firenze. I fatti risalgono al 2019 quando il ragazzo non era ancora maggiorenne. La donna, dopo il rapporto sessuale consumato all'interno dell'istituto scolastico, avrebbe chiesto allo studente di non raccontarlo a nessuno.
Leggi di più

“Incompetente ed esibizionista”: ecco cosa pensano i giovani della politica italiana

Presentato il decimo rapporto dell'Osservatorio permanente sui giovani della Link Campus University. La ricerca ha interessato 5mila giovani tra i 16 e i 19 anni. La maggior parte di loro sono delusi dal mondo delle istituzioni ma vorrebbero una donna come Presidente della Repubblica. "I fondi del PNRR? Utilizziamoli per riparare ai danni psicologici provocati dalla DaD".