Napolitano approva la protesta dolce

Il voto finale della riforma Gelmini è slittato a oggi pomeriggio (23 dicembre 2010), mentre il Presidente della Repubblica ha accolto una delegazione di studenti per ascoltare le loro ragioni, plaudendo alle armi bianche dell’ironia con cui gli studenti hanno condotto la loro protesta: pacchi regalo e oggetti di cartapesta hanno sfilato tra le vie dei principali capaluoghi del paese.
Un gesto non solo simbolico, ma di apertura e dialogo verso il mondo della conoscenza: Il Capo dello Stato, ricevendoli, avrebbe detto agli studenti: «Inviatemi le vostre proposte alternative, le valuterò».
I manifestanti hanno dichiarato: “Il Presidente della Repubblica si è detto pronto a esaminare le nostre alternative alla riforma e si è complimentato per la riuscita della manifestazione”. Il Presidente ha preso atto delle nostre istanze e in questo momento è l’unico interlocutore che abbiamo. Il distacco tra la nostra generazione e le istituzioni del Paese oggi per la prima volta oggi sembra parzialmente colmato”.
Gli studenti affermano che se il ddl dovesse essere approvato non si arresteranno nella loro pacifica protesta: “Non si tratta di contrastare un singolo decreto, ma di contrastare una linea di azione politica e sociale che potrebbe costituire una via senza ritorno- dichiara Paola, laureanda in Piscologia alla Sapienza.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dubbi tecnici sul ddl Gelmini

Next Article

Studenti ancora in piazza

Related Posts
Leggi di più

Spari in classe, la prof adesso vuole querelare la Littizzetto

La docente colpita da alcuni pallini di plastica partiti da una pistola ad aria compressa ha intenzione di denunciare la comica torinese dopo le sue esternazioni in radio. "Se l'hanno colpita è anche colpa sua" aveva detto. Intanto per gli studenti protagonisti dell'episodio a scuola sono scattati i lavori socialmente utili.