Napoli, studente Erasmus in coma

L’assessore all’Università Guido Trombetti e il rettore della Federico II Massimo Marrelli si sono recati stamattina all’ospedale Cardarelli per conoscere le condizioni di salute dello studente ungherese che partecipa al programma Erasmus presso la Federico II.

Il ventitreenne, ricoverato nel reparto di terapia intensiva, è in coma farmacologico. Sarebbe svenuto dopo aver partecipato ad una festa in via Santa Chiara al centro storico. E’ stato trovato a terra, nell’androne del palazzo, privo di conoscenza da altri studenti, e subito soccorso dagli agenti del Commissariato Decumani, che lo hanno condotto in ospedale.

Mi sono sempre sentito molto vicino ai giovani e la notizia del coma dello studente ungherese mi addolora tantissimo. Stiamo facendo tutto ciò che è possibile per aiutarlo. Anche alla famiglia non mancherà la nostra assistenza. Ora il massimo sforzo lo stanno compiendo i medici del Cardarelli controllando accuratamente l’evolversi della condizione di salute dello studente che è in rianimazione”, ha dichiarato l’assessore Trombetti.

Per noi – ha aggiunto il rettore Marrelli – gli studenti sono come figli. Li seguiamo e ci preoccupiamo per loro. Questo vale anche per gli studenti stranieri, ancor di più se vivono una situazione di difficoltà. Ci faremo carico, insieme all’Assessorato all’Università della Regione Campania, di ogni forma di supporto per aiutare il giovane e la sua famiglia. Abbiamo ospitato il padre, che è qui a Napoli, in un albergo. Ora bisognerà riorganizzare il rientro del giovane nel suo Paese seguendo le istruzioni dei medici”.

Fonte: comunicato stampa

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Buon voto a tutti e speriamo bene!

Next Article

Race for the cure, in corsa contro i tumori

Related Posts
Leggi di più

La versione di Seneca, talebani e Martin Luter King: ecco le tracce più scelte dalle scuole per la seconda prova della maturità

Ieri i 520mila studenti che hanno svolto la seconda prova dell'esame di maturità hanno impiegato in media tra le 4 e le 6 ore. Seneca e Tacito i più gettonati nei licei classici. I risultati avranno un peso minore rispetto al passato (solo 10 su 100). Il ministro Bianchi: "L'anno prossimo torneremo alla vecchia impostazione ma disponibile ad introdurre ulteriori novità".
Leggi di più

Alla maturità vince il mondo iperconnesso, Pascoli scelto da pochissimi. Oggi al via la seconda prova scritta

Il 21,2% dei 520mila studenti che ieri hanno svolto la prima prova dell'esame di maturità hanno scelto il brano di Vera Gheno e Bruno Mastroianni. Sul podio anche la Segre e Verga mentre l'analisi della poesia "La via ferrata" di Giovanni Pascoli ha riscosso poso appeal tra i maturandi: solo il 2,9%. Oggi si torna tra i banchi per il secondo scritto (latino al classico e matematica allo scientifico).