Napoli: spazio ai giovani

Il Cocase-studenti-36443_12564028851.jpgmune di Napoli vanta ora un primato in merito ai contributi per l’affitto di una casa.
In conferenza stampa tenutasi mercoledì 13 gennaio a Palazzo San Giacomo è stato comunicato che sono 1.150.000 i milioni di euro messi a disposizione per incentivare i giovani tra i 18 e i 35 anni ad avere una casa propria. Una possibilità estesa anche a tutti i giovani extra-comunitari presenti nel nostro paese regolarmente. Del finanziamento pervenuto dal Ministero per la Gioventù, 700.000 euro sono destinati al bando relativo all’anno 2010 ed altri 400.000 euro ad un investimento successivo.
Gli assessori Giulio Riccio e Marcello Daponte hanno affermato che questa è la prima volta che nel comune di Napoli si compie un intervento così diretto alla emancipazione giovanile.
Le richieste dovranno pervenire dal 25 gennaio al 25 febbraio e la modulistica va compilata on line sul sito www.pmm.napoli.it. Per poter ottenere il finanziamento i richiedenti dovranno, però, possedere i seguenti requisiti: non avere un reddito superiore a dodicimila euro, non possedere immobili di proprietà nel Comune di Napoli, ed essere titolari di un contratto di locazione ad uso abitativo

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Tecnici per emittente televisiva a L'Aquila

Next Article

Alla Sun si mangia così

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.