Napoli, over 50 a scuola di computer

clip_image0022.gifApre anche a Napoli – dopo Milano, Sondrio, Pavia e Catania – una sede di “Internet Saloon”, la scuola gratuita dedicata agli over 50 per imparare a navigare e utilizzare il computer.
Il progetto, promosso dall’associazione culturale AIM – Associazione Interessi Metropolitani di Milano con la partecipazione e il sostegno di HP, Microsoft, Telecom Italia e Credito Valtellinese, coinvolge giovani universitari che, per l’occasione, faranno da “docenti” in questa palestra informatica dedicata ai senior.
La sede napoletana di Internet Saloon, situata in via Depretis n. 40, sarà inaugurata mercoledì 28 ottobre dal Sindaco di Napoli, on.Rosa Russo Iervolino e con la partecipazione dei promotori del progetto Pier Giuseppe Torrani, Presidente AIM, Carlo Vitella, PR Manager HP Personal Systems Group, Fabio Fregi, Direttore per la Pubblica Amministrazione Microsoft Italia e Carlo Fornaro, Direttore Relazioni Esterne Telecom Italia e Roberto Grazioli, Direttore Mercato Gruppo Credito Valtellinese.
Per maggiori informazioni telefonare allo 081 7810130 oppure scrivere a [email protected]

Total
0
Shares
Lascia un commento
Previous Article

Dallo stage al posto Procter&Gamble cerca talenti

Next Article

Euromed: Università e imprese a confronto

Related Posts
Leggi di più

“Vietato salire sull’aereo con i ventilatori polmonari”: Ryanair nega il volo a una dottoranda che deve andare a discutere la tesi

L'incredibile storia capitata a Paola Tricomi, studentessa siciliana della Normale di Pisa che tra qualche giorno dovrà discutere la tesi di dottorato. La compagnia aerea le ha negato la possibilità portare a bordo i due ventilatori polmonari che le servono per respirare. Dopo la mobilitazione sul web la società irlandese ha fatto marcia indietro: "E' stato un equivoco".
Leggi di più

Ucraina, niente vacanze estive per gli studenti di Mariupol: “Russi iniziano la loro propaganda a scuola”

L'occupazione russa della città simbolo della guerra in Ucraina comincia ad avere le prime ripercussioni: gli studenti non faranno le vacanze estive e andranno a scuola fino al 1 settembre. Secondo il governo di Kiev l'esercito di Putin vuole de-ucrainizzare gli scolari e prepararli al curriculum russo che dovranno studiare il prossimo anno scolastico.